Lesbienne arabe annone

E poi ella prega teneramente la croce che inchini le braccia , onde lo possa giungere: Il quale concetto , comecché un poco sappia di ar- tificioso , pure non isconviene alla condizione di chi essendo in gran tempesta d'atfetti , dà vita d' intelletto a' tronchi: Ma uria invenzione poi interamente presa alle scuole de' Drammatici è quella che segue , quan- do Giuseppe , Nicodemo , e i loro sergenti vengono Poema Tkib.

E Maria che secondo la natura degli addolorati trema di tutto , al veder tanta gente, la crede gente nimica: La croce tenea stretta colle braccia Maria gridando: E prende specialmente il cuore quel silenzio , con che si accompagna quella santa opera: La madre il capo al petto asconde e tace: Marta accanto a' suoi pie muta si giace.

Giovanni poscia alla donna s'abbassa, E dice ,, Madre , star qui non è bene. Io I 5a Letteratura. Indi segue la descrizione della tornata di Maria in Geru- salemme: Giovanni , che gli si fa puntello , e il mena alla Vergine: Dopo questa scena tutta piena di misericordia si narra da ultimo come gli Apostoli vennero a Maria ; e com' ella fece loro un grande e profetico sermone ; con che si dà fine a questo gen- tilissimo poema.

Ma questo pure ci conducia- mo a confessare non senza grande riverenza. Tanto ci ha presi l'originale bellezza di questo candido stile: E il lungo studio de' Classici li condurrà a questo glorioso termine. Imperocché le virtù di costoro sono cqme le forze del Fato x on. Delle quali diceva Cleante: Alii Tero patrium decus su- pra modum efferentes pure , propréique scribendi laudem uni Florentiee vindicare conantur: Num tu mutum censes me futurum, nisi hanc mihi facultatem comparassem?

Quid tu consilii coepisses haud scio: Vocem scilicet , quae praeterrolat , emittimus: Non rebus yitium, sed yerbis inest. At tu Terborum omatum cura ; ut accuratio- ri dicendi studio vitium sermonis evellas.

Num una est Latina lingua 9 quae possit res , et cogitationes hominum aperire? Est suus cuique Regioni vulgaris sermo , et consuetus. Cultus qui- dem apud aliquos. Huic labia admo- vcas , si piget ad Latinorum fontes accedere. Dr Gravina 37 ni, qui severam quoddam, atque censorium consti- tuere Tribunal , cui nomen a furfure furfureum. Ab hoc omnia iudicia manant , omnia pendent arbi- tria. Ab bis omnis bene scribendi spes caeteris est interdicta. Quidquid enim suum non est continuo dainnant: Libenter ab instituto sermone deflecterem , o mi Lesbonice.

Obscura enim quadam suspicione provideo 9 aliquam patera rationem 9 qua tu 9 o Lesbonice 9 omni tristitia sub- leveris. DI Gravina S9 Call. Si idipsum objiciebam , ac apud eos tot insignium Scriptorum casum deplorabam? Vide ne quid fin- gas , et rem expone sincerius. Non quidem eo sunt provecti: Tandem cum hac mihi non successisset , alia sum aggressus via. Plura tandem hujusmodi exempla congessi: Nihil illis durius , nihil in- ficetius: Quid confnsius Bononien- sibus? Undecumque praeter- veharis , nihil cautius effugias , quam earum lingua- rum usum , nec est a quo magis timeas j quam ne iis vocabulis inquineris , neve in oratione tua Terbum aliquod earum Regionum adhaerescat.

Non vident illius asserto- res 9 homines alioqui doctissimi , qualis error iis obji- ciatur quando ad similitudinem Grsecorum volunt inter nos inferre communem omnibus linguam? Occul- to sane labuntur errore: Aperi nobis itoqae j ubi caput occulerit lingua isto conunu- nifi , ubi consederit , quanam in Regione constiterit?

Inde cuilibet eam licet haurire. At unde nam eam boni illi scriptores primum evocarunt , neque enim ut rerum , ito et verborum probatur inventio. Cur non stotim edis aptum ad interrogato responsum? Conemur id modo , et y quod usque adhuc omisimus , inquiramus.

Trahet enim rerum series men- tem nostram , et temporum ordo nos ad hujus lin-. DI Gravina 45 Lesb. Auctor mihi eris, ut a- Fiorente nis tantummodo Tocabula , et dictionem petam?

De hoc pauUo post opportunius. At si id dederimus , evanescet jam communis Italiae lingua. N Hi evanescet, quae nuUa fuit. Scriptores igitur omnes , Etrusca lingua, non Italica sunt usi.

Non vides , modo te nos omnes committere Fio- rentinorum arbitrio , iisque solis omnem judicandi facultatem tribuere. Vide , quam celeriter exteros omnes a scribendi laude dejeceris. Si bene advertas animum: Nec enim quia scriptorum lingua e Flo- rentia exiluit , ideo in soHs Florentinis , submotis exteris , judiciorum potestas , et orationis puritas , ec cultus permanebrt. Nec putandum est apud illos consuetudinem loquendi adhuc incorruptam servari: At elegantissimus Tacitus , ornatissimus Plinius.

Quo pacto alia spretae , atque contemptee jacuerunt: Ab una igitur Florentia scribendi leges omnes Itali petere debemus, et ex eorum judicio laus pen- det, et dedecus exterorum. Vide cui nos potestà- ti subjecerisl DiAL. DI Gravina 49 Call. Profecta ab illis sane est ele- gantia , et linguae decus , hausta ex eorum solo est pura, et incorrupta dictio , ejus nitor, et splendor in bonorum scriptorum libris lucet , et emicat.

Quae vero in vulgo resedere vocabula , illa sunt quidem ex parte retenta y ex parte vero vel immutata , vel rejecta y verborum inflexio corrupta y articuloruhi usus pene depravatus, ita ut cursus temporum, et crebra rerum y atque hominum mutalio , hanc simul y sicut caeteras lingnas y infuscaverit ; rectumque judi- cium petendum sit y non ex sensu vulgi , et auribus multitudinis y sed ex antiquorum observatione scri- ptorum.

Habent enim linguae a bonis scriptoribus nitorem y et decus y ac semel e vulgo selectae y num- quam vulgum relabuntur, ncque judicium uUum mul- titudini committitur: Nolo hic Senecae , et Quintilioni locos adducere G.

Quis enim credat Ciceronis avo , cum Lati- na dictio maxime floreret , suspeclum tamen illi fuis- se vulgi , et multiludinis usum? DI Gravina 5i mugetur legendis Oratoribus , et Poetis. Sunt enim UH Veteres , qui ornare nondum poter ànt e a quce dicebant , omnes prope prceclare Locati: Cam igitiir cohibendus sit loquendi usus , et coercendus intra fines veiusta- tis: Dante , scilicet , Petrarca , et Bocaccio , atque ilio- rum afldnibus , iidemque , tamquam imago , atque exemplar , novis scriptoribus tum Florentinis , tùm exteris praeponendi.

His tu judlcibus , me trahes in jus: Est quidem Florentinorum oratio condita quodam sapore vernaculo , quem vix alii possunt imitari dicendo? Non minorem enim latine scri- bendi gloriam consecutus est Livius , et Virgilius , et alii plures ex variis Italiae Regionibus orti, quam ipsi Romani scriptores: Nec standum putas aurium iUorum judicio: Nec metuis, ne tibi Florentinos reddas infen- sos , SI hic sermo tuus emanet?

Hic ad summa ornamenta , quae sibi ex Philcisophiee , ac scientiarum studio compara vit, insiguem dicendi cultum adjecit. Nihil eriim in ejus scriptis deprehendi potest , qùod non videatur a Bo- cacii , et Petrarchae temporibus emanasse. Ma per godere di questo letterario tesoro fa mestieri il venire a Roma , onde sono giuste le querele degli al- tri Italiani e degli stranieri: Senza di che se avessimo anteposto di disporle diligentemente secondo il metodo Grut - Museo Làpid.

A questo insigne frammento inedito ancora ben volentieri diamo k preferenza per Y antichità dei tempo cui si ti porta , che avanza di ZSq. Morcelli , allegando buone pro- ve della loro verità , e mostrando ch'esse non dove- vano giudicarsi colle leggi comuni alle altre basi ono- rarie.

Imperciocché fece vedere molto bene che non furono contemporanee ai soggetti , di cui favellano , ma che si hanno da credere opera dei primi secoli Imperiali , in che furono destinate a sostenere le im- magini di que' sommi uomini , di cui si ornavano i luoghi pubblici delle colonie e dei municipi.

Le quali congetture di quell'uomo dottissimo si vanno ogni giorno confermando per le ulteriori scoperte. Alla quale opposizione si dovrà rispondere: E crescendo ora il numero di tali elogj sarà poi da vedersi , se le vite degli uomini illustri che hanno tanta somi- glianza con essi , e che ora sono state attribuite a Vittore , ora a Svetonio , ora a Plinio , ora a Corne- lio Nepote, finché si è dovuto conchiudere d'igno- Museo Lapid.

Vero , che in compa- gnia di D. E attissime poi sono queste pietre a stabilire eh' ei fu veramente il bisavo e non V avo di L. Vaticano 65 ea probabilità che aascQsse da un matrimonio con- tratto per lo meno più di cinquanlanove anni pri- ma. Del Consolato di questo Ceionio avevamo avuto un cenno da Capitolino , il cpiale ci avvisa che gli avi e i bisavi di L. Ha quindi riveduto il giorno la imagine di Go- ta scolpita in marmo pario con molto studio: La quale è rara di molto: Sonosi anche scoperti alcuni Pavimenti a Mo- saico di bel disegno: Ambedue nella parte anteriore sono adorne d' in- tagli , i quali dinotano , che V una rinchiudeva le re- Uquie di un Cristiano , l' altra quelle di uno Idola- tra.

Imperocché vedi In quella il Pastor buono , che ha ricoverata la perduta agnella , e la si reca in su- gli omeri: La quale ritta , e colle braccia alquanto sollevate ed aperte sta in atto di porger preghiera a quel modo che suoleano gli antichi Cri- stiani: Del quale costume rimangono molti vestigi an- che a' di nostri , e particolarmente nella Messa: Ne ' manca la costui imagine ; ma ai vede nel coperchio efiigiata fin quasi alla cintura.

Vedesi nel bel mezzo il Dio Bacco Incoronato d' uve , e di pampani , che appoggia la destra mano sul proprio suo capo 9 e la sinistra su quella di un Faunetto di viso piacevole , e ridente.

Primavera e Stote a de- suma: Il Genio della state strin- ge nella chiusa destra una falce , e colla sinistra palma sostiene un cestellino ricco di spiche: Col quale atto vuoisi a mio giudicio significare, che il Verno spoglia le viti di fronde , e toglie a Bacco le uve.

La mano sinistra tiene per le lunghe orecchie una Lepre , cui veggendo del basso un veltro su due piedi s' innalza bramosissimo di addentarla: Queste figu- re empiono la diritta fronte del Monumento , che poi si torce in arco nei lati: Ove tanto dall' una che dall'altra parte sono due figure con Corbe piene di Uve, e rami di alberi , e tralci di pampani , e uccel- li.

DalF altro canto è un fanciul- lo che siede sopra una tigre. Nel coperchio ha mol- ti pargoletti che vendemiano: Mi resta a dire qualche cosa intorno le poche iscrizioni tratte fuor della terra , che le cuopriva.

I L In belle , e grandi lettere M. In lettere di bella fórma. Se le speranze di lui riesciranno a buon fine , ne terremo ragio- namento ne' Quaderni de' vegnenti mesi.

Il coltissimo alunno Sig. In quest' arringo scendendo il eh: Autore dal vero , affisr- niando , che n' abbiano taciuto quasi tutti i scritto- ri fuori di Cicerone: Scorgiamo in fatti , che il solo Dione Cassio nel lib.

Letteralmente le distinse nell' Orazione de Provine. NelF altra in Vatin. Num JEliam , num Fusiam Legem neglexerit? Ma quel eh' è più nelF orazione De Haruspicum Respons. Autore vien riget- tato il contrario parere di Zasio y che le tenne in conto di una sola. Non esitiamo a credere che Zasio fosse probabilmente tratto in errore librario- rum culpa y i quali trascrivendo V Orazione in Pi- son. Ra- y6 Letteratura man. Jieret , non Tribunos Plebis tantum: L' affermazione non ci sembra esatta.

Si legge nel- r Orazione de Provine. Sestio , che V Autore ebbe puife sotto gli occhj , si querela Cicerone , che da Clodio ,', lata lex est Non sapremmo pertanto sug- gerire sulla materia della Legge Fusia una- dilu- cidazione più precisa di quella , che ne diede il P. Abraam lodato dall' Autore nelle note all' ora- zione Pro P. Analizza Egli con sana critica i quattro capi contenu- ti nelle disposizioni delle medesime , e ravvisando con tre di essi , cioè auspiciis , obnunciatione j et Comitialium dierum circumscriptione , assodata l'au- torità Senatoria , e indebolita la Tribunizia , inclina a riputarle Consolari , come le riputarono Pomponio Leto , Alessandro Scoto , Francesco Hottomanno , e LudoviQO Cliaron , sebbene quest' ultimo le attri- buisca ad una coppia di Consoli non giustificata dai Fasti.

Il solo Capo dell' interdizione secondo Y Au- tore favoriva il potere de' Tribuni nel supposto , che ad essi soltanto ne appartenesse il diritto. Ma questo vantaggio Tribunizia scomparisce in gran parte se si rifletta , che tale dritto era , come osser- Legge EuA e Fvsià 79 TunTno y comrHune in Senato a' tutti i Magistrati Maggiori ; e s' indebolisce maggiormente coiF osser- vare j che r aYvedutezza de' Patrizj in apparente fa- Tore della Plebe avea raddoppiato fino a dieci il numero de' Tribuni , appunto , perchè fra tanti facil- mente alcono si trovasse , che per sentimento pro- prio 9 o guadagnato dalle prattiche de' Senatori , ki opponesse alla rogazione della Legge.

Cosi leggiamo in Livio , Idb. Bisogna dunque convenire col chiar. Autore , che queste Leggi fossero Consolari y e. Accadendo di non trovarci d' accordo col eh: Roma nella Stamperia de.

Lettera di Francesco Cancellieri a S. Imperciocché se Cdio per volger di secoli , ri- maneya ancora nella memoria di molti ; sorge per altri moltissimi a nuova vita mercè questo scritto-: Abbondan le sue carte di molteplice erudizione ; e qualche dettato , che sembra comune , non potrà condannarsi come sorerchio in esso , né in altre siffatte.

A Giu- lio II. V, Rè de' Romani in Dif- fatti parla Celio del secondo suo maneggio , dicendo: Encomio ad eteme carte raccomandato t Posarono le ossa di Celio in un monumento sulla porta della libreria di Ferrara: Girolamo Monferrato discepolo suo aggiunse dall'altra faccia epigrafe pili lunga e non menzognera.

Il Tiraboscbi innoltre tien la cau- sa di Celio per la precedenza , che contrastar gli po- trebbe Copernico suo contemporaneo ; il quale es- sendo Astronomo di maggior fama die nome alla co- sa divenuta sua.

Ipse oluaci lii 9 et lactttda Pytfaagoreorum titam traduciti in gur-. Che se il capo degli Storioni è soavissimo a mangiare , cosa che appartiensi alle di- spute intomo ai gusti del palato ; non potrà facil- mente decidersi , eh' ogni altro gran pesce sia dello stesso capital pregio donato.

Autore della Lettera Cane. Hanc etiam clemeos stadioram amplectere partem Gonsciam et astroram pergc fovere Deam. Le quali cose di buon animo noi facciamo sape- re ai lettori: Siegue il Primo Opuscolo del Sig. Delambre han- no immaginato tm diverso metodo per condurre da un qualunque dato punto del parallelo crepuscola- re ', ove ritrovisi il Sole , un circolo massimo , che passi per i Poli , e formi un secondo Orizzonte.

Im- magina il Sig. I più distin- ti Matematici Gio: Per questa ragione dovendo il Sig. Passa di poi a pane gonare questa Latitudine con quella che somministra- no le osservazioni fatte al Settore Zenitale dal Sig. Per avere Tespres- sione della riduzione al meridiano il Sig.

Alle distanze meridiane del centro del Sole dallo Zenit vengono in seguito applicate le riduzioni , onde avere le ob- bliquità apparenti , le quali col mezzo della nuta- zione Lunare , e Solare sono ridotte a medie , Da un medio di sei obliquità estive si ha Tobbliquità media al principio del i8i5 di a3.

Da un medio poi di cinque obbiiquila jemali si ottiene V obbliquità di aS. In seguito r Autore paragona Tobbliquità estiva da lui trovata pel i8i5 con dodici obliquità dedot- te dalle osservazioni fatte alla meridiana di S. Pe- tronio di Bologna ne' solstizj estivi dell'ani al 1 , onde dedurre l' annua diminuzione dell' ob- bliquità dell' Eclittica.

Da un medio di dodici ri- sultati determina il Sig. Nel Quarto Opuscolo il Sig. Professor Conti espone tutte le osservazioni da lui fatte circa di equinozj di Autunno degli anni Questo risultato non differisce da quello trovato dal cele- bre Sig. Professore Piazzi che di Sole sette decime di secondo. Nel Quinto Opuscolo tratu il Sig. Calandrelli , trova il Sig. Conti , che la massima fa- se oscura fu alle ore In seguito per determinare un Luogo della Luna dall' Osserva- zione del principio e del fine dell' Eclisse si serve il Sig.

Conti delle formole del Sig. OUavianiiln Roma 8. Egli è di parere che appunto a questa seconda forma di Petecchiale debba riportarsi la Lenta Nervosa di Huxam , e si serve per il suo assunto delle seguenti prove.

Pri- mieramente havvi nella Lenta-Nervosa secondo lasser- zione del lodato Scrittore quel periodo inabbreviabi- Osservazioni di Medicina io5 le di' due o tre settimane che precisamente compècte idle febbri esantematiche in genere. In quarto luogo la Lenta-Nervosa è stata riconosciuta alcune Tolte contagiosa, e saggiamente riflette FA. In quanto agli ajuti chirurgici non dissimula l'A. Se misto e complicato egli e , tal dovca essere in un tempo , in cui s'ignorava la dottrina del- le diatesi, ed era la medicina puramente sintomati- ca.

Piacciuto avesse al cielo , esclama V A. A confermare vieppià la identità della petecchia- le colla lentanervosa adduce TA- una circostanza degna di molto riguardo, ed e che mentre questa regnava in Inghilterra 9 regnavano al tempo stesso le febbri decisivamente petecchiali , le castrensi , le pu- tride , le maligne , le pestilenti ; e certamente natu- ralissimo si è il credere che tutte queste febbri de- rivassero da una medesima cagione , ossia da un contagio medesimo: Si oppone egualmente al modo suggerito dagl' lonovatori di.

Per lo che vorreb- be r A. Avremmo poi desiderato che ammettendo Egli si nel testo a pag. Quei pochi caratteri che V A. Se ella non soffre il metodo deprimente , ed in ispe- zieltà il salasso , poco pur lo soffre la lenta-nervosa di Huxham , e discretissimo lo richieggono quelle pe- tecchiali che invadono soggetti deboli: Se infine non ha un periodo determinato , correrà uuUadinieno per un certo numero di giorni, e que- sto basterà perchè si abbia a confondere con il cor- so deUa petecchiale il quale non è poi regolaris- Simo.

Conveniamo inoltre pienamente coli' A. Se lice l'annoverare l'illustre Fan- zago tra i cooperatori della nuova Dottrina 5 sa bene r A. S79 dove si pone U Castoro fra gli stimoli più energici 9 sapendosi che il Prof. Fu allora battezzato il feto , e nulla più , rimettendo le ulteriori ricerche alle ore pomeridiane. Il sacco o tumore poc' ansi nominato era formato di una sostanza membranacea , sparsa di molti vasi sanguigni: Fu ampliato il taglio già fatto , ond' estrarre il feto , e poterono allora bene osservarsi la placenta un poco più piccola di quella che conviene ad un feto trimestre , il cordone ombellicale 9 e la membrane.

Apparve il sacco diviso in due cavità , la superiore delle quali non avea communicazione colla inferiore 9 siccome appunto dovea essere ; essendo la prima formata dalle membrane della tromba , V altra dalle lamine del ligamento largo: Fa notare inoltre che per la distensione medesima sempre crescente si rup- pero infine i vasi esterni , ed intemi , quelli special- mente del tramezzo delle due cavità , sul quale gra- vitava il feto 9 e quindi nella cavita inferiore si rac- colse del sangue , che poi si fece strada nel ventre per la suddivisata apertura.

Ed anzi se ci diamo a svolgere i fa- sti della nostra storia letteraria y, vi scorgiamo con diletto una copiosa e non interrotta serie d'uomini, presso che in ogni dottrina eccellentissimi 9 da questa feconda, e sollecita madre prodotti , e nodriti. Pure la Filosofica sincerità non vuole , che si nasconda , come quegli anni stessi , che un Linneo alla Svezia do- narono , ed a più Città d'Europa , anzi di questa Italia medesima , furon larghi di nobilissimi lumina- ri nella Scienza Botanica y o in altri rami della Sto- ria naturale , alquanto più avari se ne mostraro- no a Roma nostra.

Né tratterremo lungamente i Lettori vantando la già riconosciuta utilità di quel prospetto di ca- ratteri generici , o come altri dicono Sciagrqfia , che vi si trova in fronte ad ogni Classe , e che vale a far ravvisare d' un sol colpo d' occhio la differenza fra ciascun genere ed i suoi affini.

Più ristretta in vero vi troviamo la Sinonimia de' moderni j del qual di- fetto si sforzano i- nostri Autori d' attribuir la col- pa alla penuria de' libri qui sopra accennata: Dottor Sebastiani , e che do- tarono fin d'allora dar fausto presagio del lavoro, Flora Romana die poco dopo intraprese unitamente al suo amico.

Poiché abbiam detto fin qui del general sistema di questo libro , crediamo far cosa grata ai lettori ren- dendo breve conto d'alcuni de'più notabili particolari. Lo Scirpus Savii non é altro , che la Specie pubblicata dal Savi sotto il nome di Jiliformis nel secondo volume del Rotanicum Etruscum: La ' Silene trinervia è nuova del tutto , ed illustrata pur essa da una figura: I carat- teri , che i nostri Autori crederono di dover fissa- re ai tre generi vicini Euphrasia , Bartsia , RU- nanthus li costrinsero a rimuoverla da questi due ultimi , ai quali finora venne riferita da' varj Bota- nici , e porla invece nel primo.

Questa ha fiori assai notabi- Flora Romana i33 Ji pe' 9uoi colori , ed appartiene alla serie delle Vec- eie con fiori a grappolo. A questo doverono mutar nome i nostri Auto- ri' per necessaria conseguenza dell'aver adottato quel vocabolo Cnicus invece dell' altro Cirsium , il qua- le pure 9 come più antico , e consecrato dall' uso 5 che dopo la riforma linneana ne fece il nostro Alli- oni per primo , meritava a buon dritto d' esser con- sertato.

I nedita è la specie Poljgonum Jlagellare qui registrata dai Aostri Autori con un nome da- tole dal Professor Bertoloni. Di questa bella ' pian- ta assai vicina al Voljrgonum aciculare L. La prima è una specie notabile non per anco annove- rata fra le Italiane , e generalmente poco nota: Silene vesper- tina di Retz. Ma per questa volta ci sia permesso di non sottoscriverci sulle prime all' opinar loro. Orobanche cruenta del Bertelo- ni.

Ad essa vien riferita iii questo Prodromo come varietà 1' O. A questa i nostri Autori riportano come varietà due altre specie Linneane cioè la rhagadio- loides 9 e la eretica , quelle stesse , che un giorno diedero occasione all'Autore degli Annali Botanici di censurare il Bertoloni , che secondo esso le avea con- fuse. Esse si rinverranno specialmente sotto gli ar- ticoli: JLie forme regolari , e geometriche , che presenta- no i minerali sono state sempre V oggetto di am- mirazione , e di studio per i mineralogi.

Verso questo punto importante della filosofia mineralogica ha vo- luto rivolgere la sua attenzione il Sig. Beaudant , e ne ha formato V argomento di una memoria pre- sentata all'Accademia delle scienze di Parigi li 3o. U primo scopo che ha avuto in vista F Autore di questa memoria é stato di risolvere la questione seguente. Quali sono le cause che sollecitano una me- desima sostanza minerale ad effettore forme cri- stalline tanto diverse , e perchè in un caso il tal corpo affetta egli una certa forma piuttosto che la tale , o tal altra fra quelle , cK è suscettibile di prendere?

Per risolvere questa questione confessa Tautore che doveva incominciare dal raccogliere i diversi fatti, che potevano essergli somministrati dalla natura: Si rileva al contrario spessissimo , che le forme cri- stalline sono diverse quando si trovano in posizio- ni ed unite a sostanze che non hanno fra loro al- cun rapporto, e viceversa eh' esse sono simili in po- sizioni , ed in circostanze analoghe. NelV arragonite , i cristalli di Spagna e dei Pi- reni , che si trovano in rocce argillose mescolati al- la calce solfata differiscono nella totalità delle loro forme da quelli dei terreni vulcanici.

Nel Piros- sene 9 i Cristalli di Norvegia , che si trovano col fer- ro ossidatalo , quelli della Valle d' Ala in Piemon- te j che s' incontrano in una roccia particolare di gra- nato y quelli del Tirolo , che sono nella calce car- bonata laminare , sono diversissimi per le loro for- me, delle quali quasi nessuna si ritrova fra i pi- rosseni dei terreni vulcanici.

In posizioni ed in circostanze analoghe si rico- nosce al contrario 9 che le forme cristalline sono si- mili. I Graniti , che si estendono tan- to , ed in contrade tanto diverse , presentano qua- si costantemente i cristalli di feldspato della stessa forma , ed aggruppati nella stessa maniera ec.

Egli ha imaginato , che se con una serie di sperien- Cristalliz. Le Blanc , che ha molto perfezionato 1' arte di far cristalizzare i sali aveva intrapreso un lavoro par- ticolare colla mira di determinare le circostanze, che potevano produrre le trasformazioni dei diversi cri- stalli d' una medesima sostanza. Infine ha annunziato , che molti sali erano suscettibili di sopraccomporsi di materia straniera , e che ''quest' addizione ne modifir cava più , o meno la forma ; ma sopra quest' ultimo punto non ci ha lasciati i suoi risultati ; o alméno quelli , che ha descritti non si riportano che ad ir- regolarità d'una medesima fbrma, o a sali doppj.

Effetti deUe circosunze genccdi rariabSi. I cristalli precipitati non racchiadono alcun miscuglio chimico. I cristalli ottenuti racchiudono essi stessi miscugli chimici. Fu dunque sano Consiglio dei Compilatori ad Giornale Arcadico il dare un posto distinto ai rag- guagli dell' Architettura y della Scultura , e della Pit- tura' Arti belle e splendidissime , che giovano co- tanto ad incivilire t costumi y e a tramandare ai po- steri i fatti più egregi e la preziosa memoria degli Uo- mini illustri.

Il qual divisamento oltre all'essere utile anche agli stessi artefici y siccome quello eh' è adatto a suscitare ima luminosa gara , sarà poi di sommo diletto a tutti coloro y che hanno visitata questa Regina del- le città y e che di malgrado partendosene ne hanno seco loro portata una affettuosa ricordanza , e il vi- vo desiderio del ritorno. Ufficio dunque nostro sarà T intrattenere i leggi- tori intomo tutte le opere ragguardevoH che alle Bel- le Arti si appartengoiso 9 e che di mano in mano sa- ranno condotte a termine: L IO 7 t i46 Belle Arti siccome Tuolsi in simili cose usare tutta la modestia Tion ci dipartiremo mai dai confini del giusto per non incontrare la taccia , o di soverchi lodatori o di cen- sori smodati y i quali due eccessi e nuocerebbero allo scopo nostro y e disconverrebbero ad uomini onesti , Descrizione della Grecia di PausarUa ruKyifomente dal testo Greco tradotta da A.

I-a memoria di moke città, di molti Uomini illustri e di valorosi Artefici sen- za di lui sarebbe perduta , Col recente ritrovamen- to del tempio di Apollo presso Figalia fatto col presidio di Pausania dà il Nibby un'altra prova della sua utilità , e sostiene che le distanze indicate da lui so- no sempre più esatte di quelle di S trabone: Cita l'al- tra latina del Leschero , due in francese di Gedoyn e di Glavier , una inglese del Taylor , e la tedesca del Goldhagen: Si ferma ad esaminare la italiana 3el Buonaccioli pubblicata nel Canova sur les Marhres d!

Elgiriy ou les Sculptures du Tempie de Minerve à Athénes. Pe- rocché niuno essendo al mondo , che osi contrastare la supremazia nella sua arte a quel Greco Artefice x ne addiverrà che le regola e i precetti dedotti dal- le opere sue , toglieranno le dubbietà non solo , ma fermeraxmo magistralmente la traccia , dietro alla qua- le i coltivatori della Scultura potranno senza tema di errare condurre le opere loro.

Al qual uopo mirabilmente servono le sette let- tere pubblicate ultiinamenté in Parigi colla data di Roma, e scritte al Canova dal Sig. Continua poi egli a dire sic- come in vedendo il gesso del Teseo o Ercole gio- vane la.

Quindi discorre tutte le ragioni e il modo di vedere quello del Partenone , nel quale la maggior parte del- le figure non sono che leggiermente tondeggiate. An- noverando poscia novantadue metope di quattro piedi in quadro , e un gruppo di due figure per ciaschedu- na metope computa centoottantaquattro figure della grandezza di quattro o cinque piedi in tutto rilievo.

Bisogna aggiungervi in fine altre quarantaquattro figu- re o statue di tutto rilievo 9 alta ognuna dai dodici ai sette piedi , talché nel totale possono numerarsi alme- no cinquecento ventotto figure. Le Metope costituiscono per certo una ca- j9 tegoria distinta dalle due altre. Risguardano entrambi la diligenza da lui tan- to commendata. Cosi a nostro intendimen- ' to esiggono la delicatezza, la giustizia e ii rispetto , che si.

Pittura gran quadro dell' intemo del Santuario di Subiaco , conosciuto col nome di Sacro Speco. Ognuno , che sia stato a visitare quell' eremo di S. Benedetto sa quanto esso debba aver prestato all' eccellente pen- nello del Granet. Il quadro rappresenta l' intemo della Chiesa fabbricata nella.

A mano destra evvi una scala per la qua- le si ascende a un ripiano nel di cui mezzo sta la por- ta di una altra scala che conduce fuori del Santua- rio. La vivacità della luce esterna che calda e ros- seggiante entra per questa apertura stabilisce il con- trasto con quella riposata e fredda dell' intemo.

Ve- desi poi alla parte sinistra verso il fondo la cappella che resta quasi coperta da lUi pilastro. Nel mezzo , e al disotto del ripiano detto è in una gran lapide una sentenza di S.

Il Granet ha animato questa venerabile scena con due gruppi devoti di donne o inginocchioni o sedenti , e innanzi all' alta- re ha posto pure inginocchioni i Novizj Benedettini col loro Maestro. Barometriche , Terjcombtrichb 9 Igrometriche. Altezza del Barometro Massima Media Minima ttlt. Sera Sei iGra p.

Maestro 10 5 Maestro 4 4 Pon. Libeccio 7 47 Mez. Sirocco 1 5 Levaute i3 i3 Gre. Levante 9 5 Greco i3 9 Tr. Ivi oggi si osserva a destra della porta per la quale dalla Biblio- teca si ascende al Museo Pio dementino. Il primo a publicarla fu il già citato Winkel- mann i , che non potè darla esatta , impedito dal tartaro, di cui il marmo era coperto. Cono- 0 StorU delle Arti. Hic ubi charae uxO' ri Cljrmente et filio charis feci sepulcrum cum vixissent annoi se- ptuaginta j aceo.

Gli esametri sono cosi disposti ; j 64 Letteratura. Queste due sigle , che corrispondono al Z? E siccome quest' ultimo monumento viene riconosciuto per opera del IV. Imperciocché dodici città di questo no- me stesso si trovano in Stefano 4 o per dir meglio nel suo Epitomatore.

Ma che Greca fosse la patria di Zenone , e degli altri Scultori citati di sopra lo dimostrano le iscrizioni, che si leggono sopra i loro monumenti , tutte in greco. Ma questa non potè mai averlo , non trovandosi esempio al quale poterlo appoggiare ; e d' altronde fa un contrassenso nella espressione , e rende il no- stro Scultore un giramondo orgoglioso per le sue arti: Pindaro la dice di Pelope, che avca la tomba presso T ara molto frequentata dai forestie- ri , ed anche egli lisa la parola TVfifiùg.

Greca Dichiarata, tèV. Lo Stesso si osserva in Escili- lo i3 ed in Sofocle i4. Che gli estinti si seppellissero nel luogo stesso j dove erano stati bruciati , si ha una testimonianza mani- festa in Omero 17 allorché dopo avere espresso r ordine dato da Achille per seppellire Patroclo: Avendo spiegato a lun- go quali fossero i significati che davansi alla parola ruufiog , é tempo , che se ne faccia V applicazione al nostro marmo.

E siccome Y er- gere moli sapra il luogo della sepoltura è nato dalF uso di formarvi sopra un monte di sassi , o. Era qiiijsto V altro uso ne' sepolcri , cioè di porre 1 ritratti d eli' estinto , e questo ancora collo scopo di conservarne le forme. J primi esprimevano tali ritratti sotto la forma togata per gli uomini , e questi vanno vol- garmente sotto i nomi iSiistosi di Statue Consolari e Senatorie: Nel marmo esistono solo le ultime due lettere di questa parok, ed un indizio della lettera N.

Questo avverbio di stato è molto frequente nelle iscrizioni greche mortuarie? Il nome di Climenc non è intero , ma ne resta tanto da poterlo supplire con certezza. Le ultime, due Lettere sono stale cU me soltanto supplite , richiedendolo il metro , la la- guna , ed il dialetto , nel quale è tutta V iscrizione. E' da osservarsi , che qui è usalo il plurale invece del singolare , richiamaudo cioè la moglie , ed il figlio, come si usa anche nella lingua francese.

Questa parola ci mostra Tetà avanzata alla quale pervenne lo Scultore Zenone, al quale giustamen- te poteva applicarsi il detto Oraziano Nibby Letteràtuha Museo Lapidario Vaticano. Vaticano ria presso Tacito , il quale ci tà sapere che nelF an- no di Roma C.

Molte notizie di lui sono state raccolte dal Glandorpio nell' Onoma- stico 9 e dai numismatici che illustrarono una sua medaglia , ma tutti hanno ignorato che fu anche Pro- console dell' Asia , quantunque avessero potuto ap- prenderlo da Plinio a , e da Giuseppe Ebreo 3. Da lui nacque il C. Silano padre di Torquata che fu Console egli pure nel in compagnia di C.

Giunio in luogo del C. Lucio che trovasi nel testo di Dione , da cui unicamente si fa menzione di quella guerra. E ag- 0 An. Vibio Abito console suffetto nel Imperocphé Emilia Le- pida , nata da L. Emilio Paulo e da Giulia figlia di Augusto y dal medesimo Imperatore non molto prima della sua morte fu data in moglie al nipote della 0 L. Vaticano nostra Vestale C. Appio Giunio Silano , che divenne console nel Sila- no console nel , fatto avvelenare da Agrippina nel mentre era Proconsole dell' Asia , dal quale nacque C.

Questo giovane di alte speranze , nutrito alla scola di suo zio C. Akerblad , di ctii piangiamo ancora le calde ceneri. Pare che questa ricerca trovi onde ap- pagarsi nei costumi di queir età. Vaticano i83 stantemente prive del prenome 9 con cui più figlie dello stesso padre si distinguessero l' una dall' altra all' uso dei maschj , e ci basterà di asserire che per r ordinano ne furono senza. E per riguardo alla denominatone tolta da quella della madre , per tacere di una Moltitudine di esempi offerti dalle lapidi y e valerci soltanto di alcuni che som.

Quello storico numerando le diverse sen- tenze, che si proposero in senato circa la pena da infliggersi al fratello della vestale accusato di con- cussione come dicemmo , viene esponendo che L.

Ea- dem ccBteri censuerunt , rUsi quod Cn. Lentulus separanda Silani materna bona , guippe alia pa- rente geniti y reddendaque fUio dixit , adnuente 7E- berio.

Tutti i chiosatori convengono nell' opinione che vi sia un errore del copista in quelV alia pa- rente geniti j che non ha senso , e che in quell' alia corrotto si asconda il nome genlilizio della madre. Non ci è ignoto che taluno potrebbe trovare le mgione del cognome di questa vergine nella stessa staria della casa dei Silani , perchè T. Si- lano un suo figlio 9 che fu il D. Silano suo discendente, questore urbano con L.

Il primo dei maschj di quella casa che lo adoperasse fu D. IV i06 Letteratura ebbe bisogno di assumere un quarto appellativo per differenziarsi da un' altro che gli era omonimo. Giunio Silano Lutazio Catulo , di cui ha par- lato il Visconti nel sepolcro degli Scipioni , e che a nostro credere nacque da quel D. Il Marchese Maffei 3.

E queir obbiezione è stata poi ridotta al niente dal eh. Morcelli 4 f mostrando ch'elle furono dette sacerdotesse da Livio e da Ci- cerone , e che anzi era questo il loro nome solen- ne 9 perchè non altrimenti si appellano nella formok solita a recitarsi dal Pontefice massimo quando le pigliava , che ci è stata conservata da A. Ma quante lapidi non ci riman- gono dedicate al genio d' Imperadori Tiventi , e là Giunone di Cissonia Afrodite non ha forse tutte le apparenze di essere quelle di una viva 1?

Ne i gen- tili poi furono cosi scrupolosi nell' usare cogli uomi- ni espressioni solo proprie degF immortali ; onde si legge che Flavia Lipide Cenidiana , la quale non, era più che una liberta , CVM. Del resto la nostra difficolta in sottoscriverci all' opinione Morcelliana procede precipuamente da quest' altra lapide dedi- cata alla stessa Torquata , ed edita anch' essa dal Grutero 3.

E di- remo poi che non molto dopo fu onorata coli' altra pietra , quando era già pervenuta al priorato di quel 1 Fabretti p. Vaticano Male 9 da cui si determina la sua età. Facile è il rimettere due di questi cinque caratteri , perchè la sillaba. E veramente la nostra lapide spetta all'età di queir Imperadore , il cui nome come in molte al- tre cosi in questa , per ordine del Senato che dopo la sua uccisione ne volle abolita la memoria , fci an- ticamente cancellato collo scarpello sulla fine deUa quarta riga.

Un L' Annio Ravo trovasi registrato in certi fram- menti di fasti sacerdotali che si hanno in questo mu- seo , editi dal Marini 1 , e che noi sospettiamo ap- partenere ai Salj Palatini , del che a suo tempo fa- remo parola. Dall' altra parte la nostra iscrizione non è certamente anteriore al , epoca in cui Commodo ottenne il titolo imperiale.

Cerellio Pollizia- no proconsole di Macedonia , di cui abbiamo due lapidi nel museo. Un' altra importante osservazione devesi fare sul nostro marmo. Quindi coor viene dire o che Lampridio si è ingannato, o che la sua mente non è quale V intese il Marini. Nell'articolo prece- dente furono da noi tributate le dovute lodi al Sig. Incominciando dalla Lègge Elia il eh.

Queir esat- tissimo illustratore delle Romane antichità non meri- tava al certo siffatta sferzata. Ecco il modo col quale Manuzio si espresse. E per verila non si trova , che veruno della gente Elia fosse ono- rato de' Fasci Consolari in quel Secolo , a cui lette- ralmente la proposizione è circoscritta.

Egli s' indusse a dichiarare la Legge JElia come Tri- bunizia , perchè nel giro preciso di cento anni prece- denti non si fa di alcun' Elio menzione ne' Fasti Con- solari. Elio Peto , che in detto anno 1 55 1. Cornelio Lentulo per Collega. Provia- mo non leggiera ritrosia di arrenderci a tale opinione. Ne le doti di moderazióne , e prudenza j che Livio esilità in quel Consolo ci sembrano un' argo- mento stringente per riconoscere in esso Fautore della Legge ;.

Una potente fazióne sosteneva , che dovesse dichiararsi ai Rodj la guerra ,, ed il Pretore M. Giuvenzio Talna p, novo , maloques exemplo rem ùigressus erat , quod ifnte non consulto. Senatu , non Consulibus oertiori- bus, factis ,.

Dall'altra parte Marco Antonio, e M. Allorquando poi il Tribuno della Plebe T. Appunto in guest' anno Elio Peto , e M. L' intervallo da quest' Epoca alla Legge Clodia emanata F anno Furio Filo, e Sesto Atilio. Scoto notando , che ,. Fu- rius , sive Fusius Constd cum Sex. All' argomento j che L' A. Quindi Makiizio citato dall'A. Ci narra Dione Cassio Lib. Ju gran tempo che dagli amatori del bel parlar gen- tile si Tanno desiderando le rime di Franco Sacchet- ti: Vissuta negli anni del Boccaccio: E questo é veramente il primo debito de' poeti: Ma se le svergognate fosser certe Di quel che '1 ciel veloce loro ammanna , Già per urlare avrian le bocche aperte.

Ma per rampogne di sacerdoti , e di poeti non si ri E finalmente ne verrà 'forse qualche conforto alle donne leggiadre: Ne lo struggerlo gioverebbe: E questa, canzone è pure citata in alcun luogo del Vocabolario de' Signori della Crusca: Né di questa licenza il lodiamo: Con coccole , con giunchi e canterelle. Ma la nostra lezione ci par migliore: Avvisasi ciascuna esser maggiore.

Imberettate, come le mondane ' r veggio donne vane: E quelle che i crin portan suso avvolti a pellano il Canterello V. Arte Vetraria del Neri e. Né qui ci adagiamo nella sentenza di Franco: Perchè vi si legge. Ma esce chiarissima la nostra emendazione, di- cendosi: Che i denti fanno neri , e gli ocdii rossi E di questi soprossi 3 Niente si curan: Sdta es tu quiAem: Perchè la Crusca leggendo G.

Si corregga dunque questa lezione: La Lezione della Crusoa è un poco varia: Voce al tatto rustica , e da lasciare alla plebe del trecento: In quale comecbè plebe d' un secolo aureo , pure era plebe: Brache delle guamacche Alcune fanno. Van queste di sopra Con nascosi piombini a' pie' d' intorno. M Costei è gmnde: P una al verbo Incespicare: Altre velate vanno Portando Obrunp , e sbarran gli occhi à dreto: Chi le contenta , sua ricchesza atterra.

Perch' i' veggio che messa mano in pastn Mi sono avvolto dentro a un labirinto. Tra cosi fatti scogli Lo animai razionale è soggiogato. In altra ho già de' giovani parlato; i Cresci per Cresca. E questo si ponga all' infini' ta schiera di quegli esempli , pe' quali si ragiona , che se tuUe le scritture del buou secolo e tutte le licenze degli antichi si potessero seguire non sarebbe già più né gram- matica Italiana, ne d'altra lingua.

E veramente questo Cresci è un barbarismo cosi immondo , che tutta 1' acqui dell'Arno non basterebbe a purgarlo. Poggiali nella Serie de' Testi Voi. Sovra 1 capuccio frastagliato stare. Voglion parer nel loro f 3 Ed. Una nare possiede Talora men di lor canapf e sarte. Pia allaceiati son che strette balle 3. Del corpo in tatti i membri insino al piede. Maniche , e manicon tanto diTersi Veggia che appena contameli posso.

Crusca alla voce allacciato , 4 Ed. Pogg, Cominciando dal capo insino al piede 5. Mostra tal di Soria. PnÀtór Can , cioè Principe degli adoranti. Ganzon mia , va dove 1 disio l! Che fu a vedere già le. E poi dierono uno salto: D' una cosa mi conforto: Avendo V Autore forse ricordata la dottrina di Sperone Speroni: F elocuzione essere il cuore delP eloquenza: Ora il Costa dichiara queste cose parti- tamente , e con tale brevità , che a volerle tutte qui riferire , sarebbe mestieri il ricopiarne il libro.

Ma avanti ogni cosa noi loderemo questa bre- vità medesima: Poco luogo da prima ingombra: Laonde quanto più il Costà ha tol- to via il troppo e il vano daflle leggi rettoriche, tanto fle ha fatte più evidenti, e certe, e accomo- date al bisogno degli studiosi. Egli vuole dunque che u dicano Concetti certe proposisioni che per essere nuove ed espresse con parole brevi recano altrui diletto e meraviglia: Tutti ne fisoe- n ro le risa grandi.

Quindi distinte quelle face- zie che consistono nelle parole , da quelle che stan- no nella cosa: Ma quelle che mAggiormente si attengono alla materia dell' elocuzione dice essere le maniere di. Seguita l'autore insegnando che il paragonare cose vili e picciole a cose.

Coniimuizione e fine deW E- strano. Ma ava] iti ogni cosa noi loderemo questa bre- vità medesima: Per cui ci pare , che il nostro autore abbia seguita V abbando- nata dottrina del filosofo morale , dove ragiona del- le scritture ad uso delle scuole , e dice: Cosi fa il parlare di chi insegna. Per lo contrario la loquacità non alletta , e non persuade: Laonde quanto più il Costà ha tol- to via il troppo e il vano dalle leggi rettoriche , tanto.

Negli eclissi solari cos. Riflette in seguito il Sig. Conti con estendere il metodo proposto dal Sig. Calcola questa osservazione col A tSi Scienze. Carlini , e la Longitudine e Latitudine cpiindi dedotta paragonata co' medesimi elementi ricavati dalle Tavole Lunari del Stg. Carlini deducesi ha data al eh. Queste osservazioni alle 7 della mat- tina 9 a 9 e 9 pomeridiane si fanno dai valorosi allievi dell'Osservatorio y Sig. Pietro Vagnuzzi ed Ignazio Calandrelli. Il risultato di cfueste osservazioni si presenta in tante distinte tavole.

Nella prima per ciascun mese dell'anno viene notata l'altezza, mas- sima , media y e minima del barometro elevato sopra il livello del mare piedi ]63 di Parigi , e similmen- mente del Termometro di Reaumur, ed Igrometro di Retz. Astronomi , fomiti sempre pia d'istrumenti e di altri mezzi y accrescano di giorno in giorno I-onore della scienza Astronomica in Roma: U n Servo di anni Esplorata la regione ipogastrica fu trovata distesa dal corpo voluminoso delk vescica , e dolente sotto la pressione della mano: Insorse ancora no iluovo dolore nel braccio sinistro , abbenchè questo ninna offesa avesse riportata ndla caduta , ma.

Quanto poi al dolore della coscia destra, que- sto talvolta giugneva sino alla gamba del lato me- desimo , tal altra non oltrepassava il femore ; spesso ancora. Fu all' istante appli- cato un empiastro ammolliente , e fu determinalo di trasportarlo nell'Ospitale di S. E per rilevare l' incostanza del dolore non sarà fuor di proposito T avvertire che. Nella sala di S.

Ma sco- perto per maggior diligenza il muscolo psoas destro si vide alterato nel colore, poiché era di un verde cupo , e tagliato secondo la lunghezza videsi sparso di varj seni , da' quali in copia scaturiva colla pres- sione la marcia. Io intanto avendo a caso pigiata la coscia destra , osservai sgorgare di sotto il ligamento del Poupart dedla marcia , e piovere nella cavità delia pelvi: La serie de' untomi osservati nell' infermo resta dm la esposta sezione pienamente illustrata.

Qufili segm potrà il lettore riscontrare già annoverati dal ceL Hichter nel voi. Spirito un Vecchio , il quale. Il Primario amministro dapprima V olio di mandorle dol- ci 9 indi quello di ricino , clisteri ec. Aprile dell' anno ora decorso. Essendo una tal memoria molto interessante e per la scienza , e. Azione dell' Alcool sopra la Cocciniglia.

Le prime porzioni delle tin- ture alcooliche erano di un colore rosso cupo ten- dente al giallo ; col raffreddamento lasciavano depor- re una materia granulare ; per mezzo dell' eraponb zione spontanea questa materia di un bellissimo ca- lore rosso , si separava prendendo sempre più lapp- renaa cristallina.

Queste specie di cristalli si sciogue- vano interamente nell' acqua 9 la quale si colorara in rosso giallastro; trattati oolF alcool molto forte, ed a freddo si discioglievano di nuovo abbandonan- do una materia brunastra molto animalizzata , del- la quale parleremo in seguito. In questo stato , sebbene privati della materia animalizzata, soprattutto quando sono stati ridisciolti, ed ottenuti di nuovo , questi cristalli non presentano ancora la materia coloraiile pura.

Esso era colorato in rosso tendente fortemente al giallo , ma una gran parte del principio colorante si era deposto nel fon- do del vaso , e formava un incrostamento d'un ros- so di porpora superbo. Questa materia trattata coli' etere non abbandonava più alcuna sostanza, ed essa viene considerata da questi Chimici come il principio colorante puro della Cocciniglia'.

Il principio colorante della cocciniglia ottenuto col processo indicato è di un rosso di porpora vivis- simo ; si attacca con forza alle pareti dei vasi , su cui si riceve: Esposto all'azione del ca- lorico si fonde a circa So. Fn questi prodotti non v'era alcuna traccia d'Ammo- niaca. Cocciniglia è solubi- le lissimo nell'acqua ; per mezzo dell'evaporazione pren- de r apparenza di sciroppo 9 ma non damai cristalli.

Quando gli aci- di non sono concentratissimi la materia colorante nop è alterata nella sua composizione, poiché saturando V acido con una base salificabile , si ristabilisce il co- lore primitivo , purché non si oltrepassi il punto di saturazione. L'azione dell'acido nitrico é ancora più rapida. Il jodo agisce nella stessa maniera del cloro ; ma il suo effetto sembra essere meno rapido. Gli alcali irersati nella soluzione del principio colorante fiuino rssare il suo colore al violetto cremisi.

Saturando alcali si ristabilisce il colore. La soluzione acquosa di calce produce un pre- cipitato violetto con la materia colorante della coc- ciniglia. La barite , e la strontiana non producono quest'effetto, ma cambiano il colore in cremisi vio- letto come gli alcali. Lo stesso accade colla tintura alcoolica. Se prima di aggiungerà l'alumina aUp. Si ottiene Io stesso effetto mettendo nella soluzione del princi- pio colorante alcuni grani d' un sale aluniinoso.

I sali d' oro non producono precipitalo , ma al- terano sensibilmente la materia colorante. Il nitra- to d'argento non produce alcun effetto. II proto nitrato di mercurio produce nella solu- zione della materia colorante un precipitato violetto. I sali di rame non formano precipitato , ma fan- no passare il colore al violetto. I sak di ferro dan- no una tinta brunastra senza precipitato. I sali di stagno hanno sul prmcipio colorante della cocciniglia un' azione rimarcabile.

Lldroclora- to di protossido di stagno forma nel liquido un precipitato violetto abbondantissimo. I sali di calce , di barite , di stroniiana perfetta- mente saturati fanno egualmente passare al violet- to il principio colorante della cocciniglia ; ma non ti ottiene precipitato , che col solfato di calce. Ninno produce precipitato, anzi si oppongono alla precipitazione della materia colorante per mez- zo dell' Alumina ; della quale bisogna metterne un eccesso per scolorare un liquido tinto dalla coccia niglia: Ninno di essi forma pre- cipitato.

Veduti i risultati dell' azione , eh' esercitano gli acidi, gli alcali , ed i sali sopra la materia colo- rante della cocciniglia , si è voluta ancora esaminare quella delle sostanze vegetabili ed animali. I prin- cipi immediati di questi due regni , nei quali predo- minano l'ossigeno , cioè gli acidi , hanno tutti più , o meno la proprietà di cambiare in rosso giallastro il principio colorante della cocciniglia ; ma ninna lo precipita dalla sua soluzione sia alcoolica , sia ac- quosa.

Le so- stanze, nelle quali l'ossigeno, e F idrogaio sono reciprocamente saturati sembrano ancora avere poca azione sopra di essa. L'albumina , e la celatina cam- biano in cremisi la sua tinta , e quando sono pre- cipitate con i soliti mezzi trascinano sempre seco una parte del principio colorante. Ag- iungendo ad una soluzione della materia colorante ella cocciniglia alcuni grani di morfina sciolta nelT alcool, il liquido ha preso un colore amaranto.

La mor- fina poi polverizzata aggiunta ad una soluzione del principio colorante arrossato dall' acido muriatico, ha ristabilito il colore primitivo , il quale è passa- io air amaranto , ed anche al cremisi. Queste espe- rienze ci danno una nuova prova della natura alca- lina della piorfina. Le proprietà del principio colorante della coc- ciniglia, e sopratutto i prodotti somministrati dalla distillazione a fuoco nudo dimostrano , eh' essa è composta d' idrogeno di carbonio , e di ossigeno, senza un' atomo ai gas azoto.

I medesimi risultati si sono ottenuti in vasi chiusi con tutte le necessa- rie precauzioni , di maniera che non v'è luogo a du- bitare sulla sua natura. Riflettendo sopra tutte le proprietà della ma- teria colorante della cocciniglia , e paragonandola con tutti i principj immediati vegetabili , ed animali con ragione da questi chimici viene considerata come un principio immediato particolare e distinto da tutti gli altri.

Le prime decozioni sono mol- to colorate , le ultime senza colore. Queste colf eva- porazione danno una materia animale simile a quel- la non disciolta ; quelle colorate somministrano una materia scagliosa rosso-violacea composta del pricipio colorante , è della sostanza grassa. Abbandonata al contrario in un luogo umido si decompone spargen- do un odore disgustoso.

Questa materia animale della cocciniglia sem- bra avere qualche analogia con la gelatina, ma dif- ferisce da questa pel tutto insieme delle sue pro- prietà. L'ammoniaca favorisce la sua soluzione nell'acqua.

Detto che è un aspetto legittimo dicendo che sei uno di chat irc o civili ma sono. Questo sito include una chat per adulti, video erotici e altro materiale sessualmente..

Nella chat IRC di. Su chat nero schiavi maschii temevano loro passione! Creati un Olbia Liberachat. Com è un aggreagatore di canali di chat IRC italiani. Annunci gratuiti per chi vuole cercare e trovare casa,. Ciau a tutti……Sn Wiktroia ho 13 anni e vojo cnoscere a kualkuno che abbia la mia età! Headquarters located in Olbia, Sardinia. Conversation starters in online dating maschi contro femmine cast wikipedia, ebuddy login facebook irc olbia.

Se vi chiedete se è una chat irc la risposta è si! Giallozafferano actors azzurra iren olbia sono presenti 5 canali tematici per te ed i dai proprietari accolgono con graduale inviare messaggi, tribu, irc italiane tempo reale. Girls Chiassoirc chat java source code chiamami subito e non te ne pentirai, quale tipo di game ti piace? I12 bpm uol comet chat action. Ricerca di un Digilander.

E completamente gratuito cerca uomo mondaini cerca uomo olbia chat, forum; totaltech; prato prov cosa aspetti? It è una selezione di chat IRC italiane alle quali è possibile accedere gratis e. Un vecchissimo video che girava su "Tiscali - IRC". Annunci donna non Irc chat italia. Disabled ragazzi, foto, irc chat e forum di Olbia Olbia Channel. Entra in Chat Olbia non serve la registrazione e chatti gratis. Le chat senza registrazione sono generalmente dei siti internet che consentono l'uso di canali su reti Irc liberamente utilizzabili.

Oristano Fenosu Tower, I possessori del diploma D.

Lesbienne arabe annone -

Se lice l'annoverare l'illustre Fan- zago tra i cooperatori della nuova Dottrina 5 sa bene r A. Quando gli aci- di non sono concentratissimi la materia colorante nop è alterata nella sua composizione, poiché saturando V acido con una base salificabilesi ristabilisce il co- lore primitivopurché non si oltrepassi il punto di saturazione.

: Lesbienne arabe annone

Porno beurette francaise escort gironde Tar- gionidel quale deploriamo con tanto cordoglio la perdilae non continuandosi nell' Italia settentrionale la compilazione degli Annali di agricolturaper film hard gratuit escort fecamp quali con tanta gloria se ne occupava il var lentissimo sig, lesbienne arabe annone. Ora seguita cKe si cerchi il nome lesbienne arabe annone dii fid scrisse: Rawson se il pianthus grascus ritorna fra noi tutto spendido di quei fiori, di che il cielo fu Iurgo a quella aatica madre ddle genti civili. Huic labia admo- vcassi piget ad Latinorum fontes accedere. I sak di ferro dan- no una tinta brunastra senza precipitato. Astronomifomiti sempre pia d'istrumenti e di altri mezzi y accrescano di giorno in giorno I-onore della scienza Astronomica in Roma: Le istituzioni geologiche del sig.
GROS SEINS ANAL ESCORT THIONVILLE Femme mature francaise escort toulouse
Arab anal escort girl calvados Nue sex escort fontenay
Conti delle formole del Sig. Esposto all'azione del ca- lorico si fonde a circa So. Marini ci fa sapere che il liberto L. Il Tiraboscbi innoltre tien la cau- sa di Celio per la precedenzache contrastar gli po- trebbe Copernico suo contemporaneo ; il quale es- sendo Astronomo di maggior fama die nome alla co- sa divenuta sua. Manichee manicon tanto diTersi Veggia che appena contameli posso.

Le ultime, due Lettere sono stale cU me soltanto supplite , richiedendolo il metro , la la- guna , ed il dialetto , nel quale è tutta V iscrizione. E' da osservarsi , che qui è usalo il plurale invece del singolare , richiamaudo cioè la moglie , ed il figlio, come si usa anche nella lingua francese. Questa parola ci mostra Tetà avanzata alla quale pervenne lo Scultore Zenone, al quale giustamen- te poteva applicarsi il detto Oraziano Nibby Letteràtuha Museo Lapidario Vaticano.

Vaticano ria presso Tacito , il quale ci tà sapere che nelF an- no di Roma C. Molte notizie di lui sono state raccolte dal Glandorpio nell' Onoma- stico 9 e dai numismatici che illustrarono una sua medaglia , ma tutti hanno ignorato che fu anche Pro- console dell' Asia , quantunque avessero potuto ap- prenderlo da Plinio a , e da Giuseppe Ebreo 3.

Da lui nacque il C. Silano padre di Torquata che fu Console egli pure nel in compagnia di C. Giunio in luogo del C. Lucio che trovasi nel testo di Dione , da cui unicamente si fa menzione di quella guerra.

E ag- 0 An. Vibio Abito console suffetto nel Imperocphé Emilia Le- pida , nata da L. Emilio Paulo e da Giulia figlia di Augusto y dal medesimo Imperatore non molto prima della sua morte fu data in moglie al nipote della 0 L. Vaticano nostra Vestale C.

Appio Giunio Silano , che divenne console nel Sila- no console nel , fatto avvelenare da Agrippina nel mentre era Proconsole dell' Asia , dal quale nacque C. Questo giovane di alte speranze , nutrito alla scola di suo zio C. Akerblad , di ctii piangiamo ancora le calde ceneri. Pare che questa ricerca trovi onde ap- pagarsi nei costumi di queir età. Vaticano i83 stantemente prive del prenome 9 con cui più figlie dello stesso padre si distinguessero l' una dall' altra all' uso dei maschj , e ci basterà di asserire che per r ordinano ne furono senza.

E per riguardo alla denominatone tolta da quella della madre , per tacere di una Moltitudine di esempi offerti dalle lapidi y e valerci soltanto di alcuni che som. Quello storico numerando le diverse sen- tenze, che si proposero in senato circa la pena da infliggersi al fratello della vestale accusato di con- cussione come dicemmo , viene esponendo che L.

Ea- dem ccBteri censuerunt , rUsi quod Cn. Lentulus separanda Silani materna bona , guippe alia pa- rente geniti y reddendaque fUio dixit , adnuente 7E- berio. Tutti i chiosatori convengono nell' opinione che vi sia un errore del copista in quelV alia pa- rente geniti j che non ha senso , e che in quell' alia corrotto si asconda il nome genlilizio della madre.

Non ci è ignoto che taluno potrebbe trovare le mgione del cognome di questa vergine nella stessa staria della casa dei Silani , perchè T. Si- lano un suo figlio 9 che fu il D. Silano suo discendente, questore urbano con L. Il primo dei maschj di quella casa che lo adoperasse fu D. IV i06 Letteratura ebbe bisogno di assumere un quarto appellativo per differenziarsi da un' altro che gli era omonimo. Giunio Silano Lutazio Catulo , di cui ha par- lato il Visconti nel sepolcro degli Scipioni , e che a nostro credere nacque da quel D.

Il Marchese Maffei 3. E queir obbiezione è stata poi ridotta al niente dal eh. Morcelli 4 f mostrando ch'elle furono dette sacerdotesse da Livio e da Ci- cerone , e che anzi era questo il loro nome solen- ne 9 perchè non altrimenti si appellano nella formok solita a recitarsi dal Pontefice massimo quando le pigliava , che ci è stata conservata da A.

Ma quante lapidi non ci riman- gono dedicate al genio d' Imperadori Tiventi , e là Giunone di Cissonia Afrodite non ha forse tutte le apparenze di essere quelle di una viva 1? Ne i gen- tili poi furono cosi scrupolosi nell' usare cogli uomi- ni espressioni solo proprie degF immortali ; onde si legge che Flavia Lipide Cenidiana , la quale non, era più che una liberta , CVM.

Del resto la nostra difficolta in sottoscriverci all' opinione Morcelliana procede precipuamente da quest' altra lapide dedi- cata alla stessa Torquata , ed edita anch' essa dal Grutero 3.

E di- remo poi che non molto dopo fu onorata coli' altra pietra , quando era già pervenuta al priorato di quel 1 Fabretti p. Vaticano Male 9 da cui si determina la sua età. Facile è il rimettere due di questi cinque caratteri , perchè la sillaba. E veramente la nostra lapide spetta all'età di queir Imperadore , il cui nome come in molte al- tre cosi in questa , per ordine del Senato che dopo la sua uccisione ne volle abolita la memoria , fci an- ticamente cancellato collo scarpello sulla fine deUa quarta riga.

Un L' Annio Ravo trovasi registrato in certi fram- menti di fasti sacerdotali che si hanno in questo mu- seo , editi dal Marini 1 , e che noi sospettiamo ap- partenere ai Salj Palatini , del che a suo tempo fa- remo parola. Dall' altra parte la nostra iscrizione non è certamente anteriore al , epoca in cui Commodo ottenne il titolo imperiale. Cerellio Pollizia- no proconsole di Macedonia , di cui abbiamo due lapidi nel museo. Un' altra importante osservazione devesi fare sul nostro marmo.

Quindi coor viene dire o che Lampridio si è ingannato, o che la sua mente non è quale V intese il Marini. Nell'articolo prece- dente furono da noi tributate le dovute lodi al Sig. Incominciando dalla Lègge Elia il eh.

Queir esat- tissimo illustratore delle Romane antichità non meri- tava al certo siffatta sferzata. Ecco il modo col quale Manuzio si espresse. E per verila non si trova , che veruno della gente Elia fosse ono- rato de' Fasci Consolari in quel Secolo , a cui lette- ralmente la proposizione è circoscritta. Egli s' indusse a dichiarare la Legge JElia come Tri- bunizia , perchè nel giro preciso di cento anni prece- denti non si fa di alcun' Elio menzione ne' Fasti Con- solari. Elio Peto , che in detto anno 1 55 1.

Cornelio Lentulo per Collega. Provia- mo non leggiera ritrosia di arrenderci a tale opinione. Ne le doti di moderazióne , e prudenza j che Livio esilità in quel Consolo ci sembrano un' argo- mento stringente per riconoscere in esso Fautore della Legge ;.

Una potente fazióne sosteneva , che dovesse dichiararsi ai Rodj la guerra ,, ed il Pretore M. Giuvenzio Talna p, novo , maloques exemplo rem ùigressus erat , quod ifnte non consulto. Senatu , non Consulibus oertiori- bus, factis ,. Dall'altra parte Marco Antonio, e M.

Allorquando poi il Tribuno della Plebe T. Appunto in guest' anno Elio Peto , e M. L' intervallo da quest' Epoca alla Legge Clodia emanata F anno Furio Filo, e Sesto Atilio. Scoto notando , che ,. Fu- rius , sive Fusius Constd cum Sex.

All' argomento j che L' A. Quindi Makiizio citato dall'A. Ci narra Dione Cassio Lib. Ju gran tempo che dagli amatori del bel parlar gen- tile si Tanno desiderando le rime di Franco Sacchet- ti: Vissuta negli anni del Boccaccio: E questo é veramente il primo debito de' poeti: Ma se le svergognate fosser certe Di quel che '1 ciel veloce loro ammanna , Già per urlare avrian le bocche aperte.

Ma per rampogne di sacerdoti , e di poeti non si ri E finalmente ne verrà 'forse qualche conforto alle donne leggiadre: Ne lo struggerlo gioverebbe: E questa, canzone è pure citata in alcun luogo del Vocabolario de' Signori della Crusca: Né di questa licenza il lodiamo: Con coccole , con giunchi e canterelle. Ma la nostra lezione ci par migliore: Avvisasi ciascuna esser maggiore. Imberettate, come le mondane ' r veggio donne vane: E quelle che i crin portan suso avvolti a pellano il Canterello V.

Arte Vetraria del Neri e. Né qui ci adagiamo nella sentenza di Franco: Perchè vi si legge. Ma esce chiarissima la nostra emendazione, di- cendosi: Che i denti fanno neri , e gli ocdii rossi E di questi soprossi 3 Niente si curan: Sdta es tu quiAem: Perchè la Crusca leggendo G. Si corregga dunque questa lezione: La Lezione della Crusoa è un poco varia: Voce al tatto rustica , e da lasciare alla plebe del trecento: In quale comecbè plebe d' un secolo aureo , pure era plebe: Brache delle guamacche Alcune fanno.

Van queste di sopra Con nascosi piombini a' pie' d' intorno. M Costei è gmnde: P una al verbo Incespicare: Altre velate vanno Portando Obrunp , e sbarran gli occhi à dreto: Chi le contenta , sua ricchesza atterra. Perch' i' veggio che messa mano in pastn Mi sono avvolto dentro a un labirinto. Tra cosi fatti scogli Lo animai razionale è soggiogato. In altra ho già de' giovani parlato; i Cresci per Cresca. E questo si ponga all' infini' ta schiera di quegli esempli , pe' quali si ragiona , che se tuUe le scritture del buou secolo e tutte le licenze degli antichi si potessero seguire non sarebbe già più né gram- matica Italiana, ne d'altra lingua.

E veramente questo Cresci è un barbarismo cosi immondo , che tutta 1' acqui dell'Arno non basterebbe a purgarlo. Poggiali nella Serie de' Testi Voi. Sovra 1 capuccio frastagliato stare. Voglion parer nel loro f 3 Ed. Una nare possiede Talora men di lor canapf e sarte. Pia allaceiati son che strette balle 3. Del corpo in tatti i membri insino al piede. Maniche , e manicon tanto diTersi Veggia che appena contameli posso. Crusca alla voce allacciato , 4 Ed. Pogg, Cominciando dal capo insino al piede 5.

Mostra tal di Soria. PnÀtór Can , cioè Principe degli adoranti. Ganzon mia , va dove 1 disio l! Che fu a vedere già le. E poi dierono uno salto: D' una cosa mi conforto: Avendo V Autore forse ricordata la dottrina di Sperone Speroni: F elocuzione essere il cuore delP eloquenza: Ora il Costa dichiara queste cose parti- tamente , e con tale brevità , che a volerle tutte qui riferire , sarebbe mestieri il ricopiarne il libro.

Ma avanti ogni cosa noi loderemo questa bre- vità medesima: Poco luogo da prima ingombra: Laonde quanto più il Costà ha tol- to via il troppo e il vano daflle leggi rettoriche, tanto fle ha fatte più evidenti, e certe, e accomo- date al bisogno degli studiosi. Egli vuole dunque che u dicano Concetti certe proposisioni che per essere nuove ed espresse con parole brevi recano altrui diletto e meraviglia: Tutti ne fisoe- n ro le risa grandi. Quindi distinte quelle face- zie che consistono nelle parole , da quelle che stan- no nella cosa: Ma quelle che mAggiormente si attengono alla materia dell' elocuzione dice essere le maniere di.

Seguita l'autore insegnando che il paragonare cose vili e picciole a cose. Coniimuizione e fine deW E- strano. Ma ava] iti ogni cosa noi loderemo questa bre- vità medesima: Per cui ci pare , che il nostro autore abbia seguita V abbando- nata dottrina del filosofo morale , dove ragiona del- le scritture ad uso delle scuole , e dice: Cosi fa il parlare di chi insegna. Per lo contrario la loquacità non alletta , e non persuade: Laonde quanto più il Costà ha tol- to via il troppo e il vano dalle leggi rettoriche , tanto.

Negli eclissi solari cos. Riflette in seguito il Sig. Conti con estendere il metodo proposto dal Sig. Calcola questa osservazione col A tSi Scienze. Carlini , e la Longitudine e Latitudine cpiindi dedotta paragonata co' medesimi elementi ricavati dalle Tavole Lunari del Stg.

Carlini deducesi ha data al eh. Queste osservazioni alle 7 della mat- tina 9 a 9 e 9 pomeridiane si fanno dai valorosi allievi dell'Osservatorio y Sig. Pietro Vagnuzzi ed Ignazio Calandrelli. Il risultato di cfueste osservazioni si presenta in tante distinte tavole. Nella prima per ciascun mese dell'anno viene notata l'altezza, mas- sima , media y e minima del barometro elevato sopra il livello del mare piedi ]63 di Parigi , e similmen- mente del Termometro di Reaumur, ed Igrometro di Retz.

Astronomi , fomiti sempre pia d'istrumenti e di altri mezzi y accrescano di giorno in giorno I-onore della scienza Astronomica in Roma: U n Servo di anni Esplorata la regione ipogastrica fu trovata distesa dal corpo voluminoso delk vescica , e dolente sotto la pressione della mano: Insorse ancora no iluovo dolore nel braccio sinistro , abbenchè questo ninna offesa avesse riportata ndla caduta , ma.

Quanto poi al dolore della coscia destra, que- sto talvolta giugneva sino alla gamba del lato me- desimo , tal altra non oltrepassava il femore ; spesso ancora.

Fu all' istante appli- cato un empiastro ammolliente , e fu determinalo di trasportarlo nell'Ospitale di S. E per rilevare l' incostanza del dolore non sarà fuor di proposito T avvertire che. Nella sala di S. Ma sco- perto per maggior diligenza il muscolo psoas destro si vide alterato nel colore, poiché era di un verde cupo , e tagliato secondo la lunghezza videsi sparso di varj seni , da' quali in copia scaturiva colla pres- sione la marcia. Io intanto avendo a caso pigiata la coscia destra , osservai sgorgare di sotto il ligamento del Poupart dedla marcia , e piovere nella cavità delia pelvi: La serie de' untomi osservati nell' infermo resta dm la esposta sezione pienamente illustrata.

Qufili segm potrà il lettore riscontrare già annoverati dal ceL Hichter nel voi. Spirito un Vecchio , il quale. Il Primario amministro dapprima V olio di mandorle dol- ci 9 indi quello di ricino , clisteri ec.

Aprile dell' anno ora decorso. Essendo una tal memoria molto interessante e per la scienza , e. Azione dell' Alcool sopra la Cocciniglia.

Le prime porzioni delle tin- ture alcooliche erano di un colore rosso cupo ten- dente al giallo ; col raffreddamento lasciavano depor- re una materia granulare ; per mezzo dell' eraponb zione spontanea questa materia di un bellissimo ca- lore rosso , si separava prendendo sempre più lapp- renaa cristallina.

Queste specie di cristalli si sciogue- vano interamente nell' acqua 9 la quale si colorara in rosso giallastro; trattati oolF alcool molto forte, ed a freddo si discioglievano di nuovo abbandonan- do una materia brunastra molto animalizzata , del- la quale parleremo in seguito.

In questo stato , sebbene privati della materia animalizzata, soprattutto quando sono stati ridisciolti, ed ottenuti di nuovo , questi cristalli non presentano ancora la materia coloraiile pura. Esso era colorato in rosso tendente fortemente al giallo , ma una gran parte del principio colorante si era deposto nel fon- do del vaso , e formava un incrostamento d'un ros- so di porpora superbo.

Questa materia trattata coli' etere non abbandonava più alcuna sostanza, ed essa viene considerata da questi Chimici come il principio colorante puro della Cocciniglia'. Il principio colorante della cocciniglia ottenuto col processo indicato è di un rosso di porpora vivis- simo ; si attacca con forza alle pareti dei vasi , su cui si riceve: Esposto all'azione del ca- lorico si fonde a circa So. Fn questi prodotti non v'era alcuna traccia d'Ammo- niaca.

Cocciniglia è solubi- le lissimo nell'acqua ; per mezzo dell'evaporazione pren- de r apparenza di sciroppo 9 ma non damai cristalli. Quando gli aci- di non sono concentratissimi la materia colorante nop è alterata nella sua composizione, poiché saturando V acido con una base salificabile , si ristabilisce il co- lore primitivo , purché non si oltrepassi il punto di saturazione.

L'azione dell'acido nitrico é ancora più rapida. Il jodo agisce nella stessa maniera del cloro ; ma il suo effetto sembra essere meno rapido. Gli alcali irersati nella soluzione del principio colorante fiuino rssare il suo colore al violetto cremisi.

Saturando alcali si ristabilisce il colore. La soluzione acquosa di calce produce un pre- cipitato violetto con la materia colorante della coc- ciniglia.

La barite , e la strontiana non producono quest'effetto, ma cambiano il colore in cremisi vio- letto come gli alcali. Lo stesso accade colla tintura alcoolica. Se prima di aggiungerà l'alumina aUp. Si ottiene Io stesso effetto mettendo nella soluzione del princi- pio colorante alcuni grani d' un sale aluniinoso. I sali d' oro non producono precipitalo , ma al- terano sensibilmente la materia colorante.

Il nitra- to d'argento non produce alcun effetto. II proto nitrato di mercurio produce nella solu- zione della materia colorante un precipitato violetto. I sali di rame non formano precipitato , ma fan- no passare il colore al violetto. I sak di ferro dan- no una tinta brunastra senza precipitato. I sali di stagno hanno sul prmcipio colorante della cocciniglia un' azione rimarcabile. Lldroclora- to di protossido di stagno forma nel liquido un precipitato violetto abbondantissimo.

I sali di calce , di barite , di stroniiana perfetta- mente saturati fanno egualmente passare al violet- to il principio colorante della cocciniglia ; ma non ti ottiene precipitato , che col solfato di calce. Ninno produce precipitato, anzi si oppongono alla precipitazione della materia colorante per mez- zo dell' Alumina ; della quale bisogna metterne un eccesso per scolorare un liquido tinto dalla coccia niglia: Ninno di essi forma pre- cipitato.

Veduti i risultati dell' azione , eh' esercitano gli acidi, gli alcali , ed i sali sopra la materia colo- rante della cocciniglia , si è voluta ancora esaminare quella delle sostanze vegetabili ed animali. I prin- cipi immediati di questi due regni , nei quali predo- minano l'ossigeno , cioè gli acidi , hanno tutti più , o meno la proprietà di cambiare in rosso giallastro il principio colorante della cocciniglia ; ma ninna lo precipita dalla sua soluzione sia alcoolica , sia ac- quosa.

Le so- stanze, nelle quali l'ossigeno, e F idrogaio sono reciprocamente saturati sembrano ancora avere poca azione sopra di essa. L'albumina , e la celatina cam- biano in cremisi la sua tinta , e quando sono pre- cipitate con i soliti mezzi trascinano sempre seco una parte del principio colorante. Ag- iungendo ad una soluzione della materia colorante ella cocciniglia alcuni grani di morfina sciolta nelT alcool, il liquido ha preso un colore amaranto.

La mor- fina poi polverizzata aggiunta ad una soluzione del principio colorante arrossato dall' acido muriatico, ha ristabilito il colore primitivo , il quale è passa- io air amaranto , ed anche al cremisi. Queste espe- rienze ci danno una nuova prova della natura alca- lina della piorfina. Le proprietà del principio colorante della coc- ciniglia, e sopratutto i prodotti somministrati dalla distillazione a fuoco nudo dimostrano , eh' essa è composta d' idrogeno di carbonio , e di ossigeno, senza un' atomo ai gas azoto.

I medesimi risultati si sono ottenuti in vasi chiusi con tutte le necessa- rie precauzioni , di maniera che non v'è luogo a du- bitare sulla sua natura. Riflettendo sopra tutte le proprietà della ma- teria colorante della cocciniglia , e paragonandola con tutti i principj immediati vegetabili , ed animali con ragione da questi chimici viene considerata come un principio immediato particolare e distinto da tutti gli altri. Le prime decozioni sono mol- to colorate , le ultime senza colore.

Queste colf eva- porazione danno una materia animale simile a quel- la non disciolta ; quelle colorate somministrano una materia scagliosa rosso-violacea composta del pricipio colorante , è della sostanza grassa.

Abbandonata al contrario in un luogo umido si decompone spargen- do un odore disgustoso. Questa materia animale della cocciniglia sem- bra avere qualche analogia con la gelatina, ma dif- ferisce da questa pel tutto insieme delle sue pro- prietà. L'ammoniaca favorisce la sua soluzione nell'acqua. Tutt' i sali con eccesso d'aciao precipitano la materia animale , e sono riportati allo stato neutro.

Il precipitato è formato dalle combinazioni dell' aci- do in eccesso della materia animale ; ma molti sali neutri sono da essa decomposti , e si ottengono pre- cipitati formati della materia animale, dell'ossido me- tallico , e dell'acido che egli era combinato. Cosi agi- scono i sali di piombo di rame , di stagno ec. La materia colorante della Coccini- glia ottenuta da John sembra essere un miscuglio di carmina , e di materia animale , poiché egli stabilisce per carattere Y essere precipitata da tutti gli acidi.

La noce di galla forma un precipitato nei li- quidi , che contengono la materia animale della coc- ciniglia: A qual sostanza conosciuta si dovrà dunque ri- portare la materia animale della cocciniglia? Que- sti sali ricavati dalle sue ceneri , e separati con i mezzi conosciuti , sono il fosfato y ed il carbonato di calce , una piccola quantità di solfato , e d' idro-clo- rato di potassa , ed un poco di carbonato della me- desima base provveniente probabilmente da una cer- ta quantità di potassa saturata dall' acido particolare contenuto nella cocciniglia , e decomposto per 1' a- none del fuoco.

Ma per render conto di queste operazio- ni con maggior facilità incominciamo dall' esaminare l'azione dei reaggenti sulla decozione di cocciniglia. Della decozione di cocciniglia La decozione di cocciniglia contiene la carmi- na, la materia grassa , ed una certa quatitita della materia animale.

Aggiungendo in fatti a questa decozione Talumina in gelatina 9 il liquido si scolorai e la carmina si precipita combinata coli' alumina ; coir evaporazione del liquido si ottiene la materia animale , e la sostanza grassa.. Infatti in un'altro processo indicato sotto il titolo di processo di Madama Genette d yimr sterdam si precipita il carmino versando nella deco- zione di cocciniglia una certa quantità d' ossalato acidulo di potassa. Il processo descritto nell' Enciclopedia è dedotto da quello dei Tedeschi.

Nei due altri processi , accennato uno sotto il no- me di Langlois , 1' altro sotto quello d' Alyon si prescrive d' aggiungere al momento della decozione una piccola quantità di sotto-carbonato di soda. Si concepisce, che in questo caso deve sciogliersi una maggior quantità di materia animale , che coli' addi- zione deli' alums il precipitato dev' essere più ab- bondante ; ma si forma inoltre in quest' operazione una certa quantità di lacca carminata: Bisogna anche evitare un' eccesso di alume , il quale farebbe cambiare in violetto il colore , so- pratutto se r azione dell' alcali sulla materia colorante non fosse stata bastantemente energica.

Si sa , che il pri- mo si fa impiegando un bagno di cocciniglia , nel quale si è aggiunto in certe proporzioni il tartrato acidulo di potassa , e Y idroclorato di deutossido di stagno. La presenza di un' alcali sarebbe meno a temersi: Si avrebbe allora il vantaggio di ottenere Un bagno più carico di materia colorante , e di so- stanza animale. La sperienza in grande deve decide- re questo punto. Quanto ai sali terrosi, devono essi evitarsi con ogni diligenza. Si sono eglino limitati a ve- dere se i principali fenomeni della tintura colla coc- ciniglia potevano spiegarsi colla presenza, e le pro-!

Maggio prossimo passa- to verrà inserita nel volarne delle Memorie dei dotti Stranieri. L 17 a58 Scienze pareti dei vasi , ove formano delle vegetazioni saline. Le soluzioni molto dilute lungi dal contatto dell' aria , e senz' evaporazione. La natura degli apparati esercitando diverse at- trazioni sopra i sali determinano i cristalli a deporsi più o meno prontamente , ad aggrupparsi in varie guise in diverse parti della soluzione: La posizione , nella.

I miscugli meccanici che l'A. Nel caso d'una soluzione molto concentrata si formano nel precipitato cristalli iso- Iati , le di cui facce sono più , o meno profonda- mente incavate. Le osserTazioni le più generali c'insegnano ch'ella 6 cosa rara , che le sostanze minerali abbiano cri- stallizzato isolatamente in natura ; che quasi sempre esse si sono formate molte insieme ; che se ne tro- iano ancora , le quali sono accompagnate costante- mtfite dalla tale , o tal altra specie , e che sembra- no non potersi formare che unitamente ad esse.

Moitlms , uiggUmte al medesirno , jr ino dal 1 venne in luce una profondissima opera del Rev. Replicate edizioni furon fatte di questo libro nell' idioma Inglese con accrescimenti notabilissimi dello stesso Malthus negli anni successivi , finche ne fu nel pubblicata una traduzione in lingua fran- cese del Professor di Ginevra M. Bai al la popolazione crebbe in Inghilterra in tal proporzione , che se V aumento si fosse proseguito in egual modo per 83 anni e mez- zo si sarebbe raddoppiata: Per di- strigare questo nodo ; Malthus paragona le.

Bfa questa definizione potrebbe apparire non buona a chi pen- sasse , che colui , che opera bene per abito acqui- stato non è libero, non opera liberamente. I Gabaonili della tribà di Beniamin fanno lorza alle case di nn vecchio forestiero per violar la donna di un levi- ta y che era suo ospite.

I governatori di Betlem, e di Bersabè ven- dono la giustizia 9 e fanno legge ogni lor voglia. Onde è che Aristide era irato contro Temistocle ; Gimone face- ira guerra a Pericle ; Gleone voleva messo a morte Nicia ; e ciascuno diceva di desiderare il publico bene ; ed intanto la republica , lor Patria , non ave- va mai pace.

Sparta fu da Plutarco molto reputata , e no- minata Republica gloriosa , e tranquilla. Pure quei pochi fatti 9 che la storia di lei ci fa noti , basta- no per dar forza al nostro argomento.

Cleomene , uno dei due ne , che reggevano la Re- publica insieme col Senato , e con gli Efori , fé morire per veleno il suo collega , aiEnchè il pro- prio Fratello succedesse a questo. Non meno infelice di Atene , e di Sparta, è sta- ta Cartagine , che pure aveva sete di libertà.

Ma lasciamo stare a storia di queste Repub- bliche poco note: Di poco era stato scacciato l'ultimo Re, e pareva. Pure i potenti per trarre a se ogni buona co- sa opprimevano la misera plebe , ne solo nelF altrui avere ponevan mano , ma sovente ancbs procurava-- no ogni disagio alle persone.

L' ottenne ; ma non per questo si pacificarono gli animi delle due par- ti. Publi- cola con molti altri desiderava , che la Plebe domi- nasse , forse per avere un giorno su gli uni , e su-. Ma acciocché la nostra sentenza sia per molti argomenti dimostrata diciamo alcuna cosa delle mo- derne Republiche , e vediamo se almeno tra queste fu mai giusta Politica Libertà.

Non parliamo delle terre Franche , della Germania f- poicnè queste so- no libere per nome , e non per fatti. Ma alquanto ragioneremo del- la nostra Italia , e prima di Genova , poiché Pisa nel tempo , in cui si disse libera non ebbe scrit- tori diligenti , i quali narrassero i fatti , che al go- verno della Città si appartenevano. Volle J oge invece del Pretore gustare il mortale veleno , dato alla misera Italia da' Guelfi , e Ghibellini.

Fu saccheggiata da Carlo Quinto , ed ora soltanto , ben- ché non libera , gode pace i perché il Ré di Spa- gna la regge. Quivi i nobili solamente comandano , ed i cittadini , e la plebe sono costretti ad ubbidire. La città fu tosto in due parti divisa. I nobili tenevan Y una , e la plebe Y altra. Questi mori , e la plebe più orgogliosa risurse. Ma come si sentirono liberi dalla paura della forza straniera , ripresero le armi , ciascuna per accrescere potenza , e dar signoria alla sua parte.

Questi si unirono coi Pisani; vinsero in guerra i Fiorentini; e furono signori di Lucca. La plebe fece nuovo , e più forte oltraggio ai nobili , e per lungo tempo li tenne sotto gravi pesi , non senza molti danni del publico bene. Tommaso Strozzi, e Giorgio Scali tolsero per forza un prigione dalle catene contro la volontà de' Priori. Benedetto degli Alberti , ed il nobilissimo Donato Acciajuoli furono niandati a' confini. Giovanni de' Medici potè col senno , e col valore delle armi metter freno all' una , ed all' altra fazione.

Si è già dimostrato , che la Libertà politica è la facoltà di svolere. Stolto al certo mostrerebbe di essere colui , che. Guarini, mentre visse 9 fu stimato motto, e per- chè buon letterato , e perchè espertissimo era in ogni cosa , che alla felicità de' popoli si appartiene. Egli considera nella Libertà due aspetti 9 in uno vede la sua essenza , neir altra il suo fine ; e questo pensiero è nuovo 9 e dà nuova luce li argomenti.

Vuol provare 9 che giusta ed utile è Monarchia , e non già la Republica. I E N Z E una facoltà di fare quel che altri scuole y se nm se o da forza , o du legge gli sia vietato. Gaarmi poniamo in disparte che nel rolgamare la propo- sizione dell' Imperatore induce qualche equivoco , avendo ragionato di libertà politica crede che di que- sta parlasse ancora Giustiniano , senza por mente atta parola di quel Savio , facoltà naturale.

Tolta questa confusione , e mescolanza di concetti fra il nostro A. Egli racconta tutti i danni recati dalle Re- publiche , e poscia afferma , che nella sola Monar- chia è la gente felice. Io credo , che il ragionar sarebbe stato giusto , se avesse mostrato ancora le storie de' Sovra- ni , e del loro governo: Gli uomini o sono , o desiano far vista di essere giusti.

Ma ristringendo tutto in poco: I njiagistrati dei po- poli liberi sono , non dico trasportati , ma infatua- ti alla esecuzione delle leggi ; e di siffatti esempj son ricche le istorie. Non parliamo del pri? Conviene quindi con la ipotesi di Cockerell , cioè che le figure della famiglia di Niobe attri- buite da Plinio a Scopa possano essere state fat- te per un frontone , e che questo illustre Artefice non abbia sdegnato scolpirle a questo uso: In rispondendo alla prima di tali questiom cre- de egli non potersi dare giudicio in simili materie eguali a quello che si daria di metalli 9 di diaman- ti o di altre merci.

Contradice poscia alla possibi- lità di stabilire un severo paragone tra opera e Opera , e infine opina che prima di discendere a farne uno qualunque, sia cosa utile 9 e più sicura il portare il lume della critica sulle qualità princi- pali j che stabiliscono il carattere generale , al- tramente appellalo lo stile 9 e il modo del vedere 9 e il sistema imitativo , che è proprio dell' epoca e della scuola alla quale appartengono questi monu- menti di Atene.

Bastava quindi che un gusto duro e secco p presiedesse a un lavoro perchè dato gli venisse il y nome di Etrusco. Ad affermare il quale argomento mette poscia r Autore in mezzo T esempio del fregio del tem- pio di Apollo Epicurio scoperto nell' antica Figalia: Accusa quindi i Critici di aver voluto con troppo pochi lumi stabilire traccie sicure nella storia dell'arte, nel mentre che per formare una idea giusta dello stile del gusto , e della maniera della scuola, e del secolo, non solo è d'uopo es- sere certi di possederne opere originali , ma queste m tal numero da potere con franchezza assicurare 1 che i caratteri , che le distinguono sono comuni a tutte.

Que- sta espressione dona all' intero di una figura tal sentimento di leggerezza , che accresce quello della forza. Essa ha otto piedi di altezza. Vi si ammirano e le belle mas- 9, sime , e la scelta squisita delle forme, e T effetto ,y grandioso , eh' è prodotto dalla soppress ione delle yj particolarità. La vita è nel tutto , e in ogni par- M te.

I contorni decisi , e ondeggianti. Alle parti yy larghe e grandiose si uniscono particolari sottili e yy leggeri. E tali delicatezze , die' egK , yedersi anche nelle parti al lutto nascoste allo spet- tatore y siccome appare nel braccio del Sole orien- te , detto Jpperione.

Tali pure sono Il gruppo delle Parche e quello di Cerere e di Pro- serpina. Avremo dunque sovente campo di ragionare della scultura , giacche Roma ne produce da se sola più dovizio-! Ha egli raffigurato in questo lavoro, di che diamo i contorni incisi nella Tav. E di do debbesi lodare assai Y Artefice. Ci sembra infine che il marmo sia condotto con molto studio gusto e diligenza. Che se in que- sta opera havvi qualche cosa che non tocchi alla perfezione , essa è talmente superata dal concorso ai evidenti pregi che non monta il considerarla.

Cominciavano già in quel- le a farsi vedere Je ingiurie del tempo , quando la sollecita vigilanza del Governo è corsa all'invocato riparo. Vincenzo Camuccini , al quale è affidata con savio consiglio la cura di presiede- re e diriggere la restaurazione e la conservazione dei Dipinti antichi ha ritornati ora questi alla lo- ro prima bellezza, commettendo la esecuzione del ge- loso restauramento al Professore di pittura Sig.

Ajutato questi dai suggerimenti del Sig. Cavaliere ha con infinita diligenza e studio rimos- se le macchie , che deturpavano quel capo lavoro , rimarginate le piaghe in lui prodotte dalla intem- perie , e ricondotto , senza alterarlo , a tanta viva- cità e freschezza 9 che intere figure , le quali più non vedevansi ne accrescono ora la bellezza e la rzia , siccome vedesi in quel putto , che sta sotto Vangelista S.

Andrea sono a nostro credere titoli baste- voli per collocare il Domenichino tra' più sublimi Maestri. Edi tori , spesso per sunto , qualche volta interi: Sendo che per via di essi in un colle utili co- gnizioni diiFondesi il nome di que', che già sono, o cer- cano divenir celebri col tempo. E ci par qui necessaria una protesta: Frale biblioteche particola- ri di Vienna distingaonsi , qnella del duca A.

Ghiere che furono demolite , ed ha 7 cortili e giardini con una specola. La biblioteca pubblica di Klagenfart rieoe ralntata a 4o - ooo Tohimi , quella dell' Uairersità di Pesi a So , ooo , è qaella di Grata a loo, ooo. In appresso la prima bialioteca della Moraria venne aumentata dalle collezioni di libri dei conventi ioppresai.

La biblioteca del monastero di Kiremsmànster , la cui sala ha? Rawson se il pianthus grascus ritorna fra noi tutto spendido di quei fiori, di che il cielo fu Iurgo a quella aatica madre ddle genti civili.

Le istituzioni geologiche del sig. Breislak sono accompagnate da mi atlante di SS disegni incisi da due abili artisti di Milano, e che rappresentano gli ammassi colonnari basalti ni pia celebri del globo.

Per dare uua idea di questo svaporamento , o per misurarne h diurna quantità , si suol far uso di una macchinetta , che distio- guesi col nome di Attnidometro.

Tra le cose utili che il chiarissimo sig. Se tutte le al- tre sue osservazioni furono coronate da felice successo , r espe- rienza nondimeno ed un facDe ragionamento su tale istituzione ci calivi nsero del cattivo risultato di questa. Due inconvenienti s' incontrano nelle grandi bigattiere: L' esperienza ci indica ebe an- che nelle bigattiere piccole coloniche , le più grandi fra quelle non sono le migliori.

Vidi nel dipartimento del Lario grandi bigattiere a quest' ora sud- divise inmol-te stanze, che si commanicano tutte fra loro. L' aria in questo modo è cambiata con facilità mediante il camino ed i ventilato- ri che ogni stanza dee avere. Allorché una stanza , nel ripulirla dal lezzo manda cattivo odore, la sua separazione dalle altre uè im- SeiENTiF.

Una delle osservazioni più interressanti da larsi èchei bachi pro- sperano di più nelle stanze al secondo o terzo pianOfChe al terreno. Considtraxione sugli abusi del seppellire. Questi fatti si rinuovano giornalmente nel mondo: Noi leghiamo loro sovente piedi e mani , quasi per vietare ad essi la libertà del soccorrere se me- desimi nel difficilissimo caso , che in si sfavorevoli circostan- ze rivivano.

Terminiamo -col chiuderli tra quattro tavole e ri- coprirli di terra! Eppure per giusta legge del taglione , la sorte stessa ci attende LSi chiama questo esser savj? Non è questa forse una ragione di più ad intra- prendere tentativi di ravvivamento , ed a lusingarsi di felice riu- scita?

La maggior parte dei rimedj che si propongono per tal gene- re di cimento sono inutili o anche dannosi. Le gambe e piedi vestiti appena di sandali come tutte le parti nude sono la- vorate con molta morbidezza , ed intelligenza dal nostro Artista.

Dialoghi di Luciano iradoUi. Il volgarizzamento che ora anunctamo nscirà alla luce in Losanna in tre volumi in 8. Se ne pubblicherà il primo nel prossimo mese di marzo , il secondo nel susseguente settembre , ed appresso altri sei mesi il terzo.

Tale senza dubbio è V opera , ohe abbiamo preso a pubblicare coi nostri torchj , e che ha per titolo: Roussc" au , Opera di Scipione Tardiani. Tardia- ni , le materie di dritto , di politica , di religione , che vi si trat- tano , i fondamenti della società , del governo , della sovranità, che vi si discutono , e la celebrità di Rousseau nella più singolare fra le sne produzioni , bastano ad animare V altrui curiosità , ed a ma- nifestarne r importanza ed i Vantaggi.

Wicoló Zanon Bettoni e compagni. B tanto gli amatori di questa messe ricchissima potranno aspettare dal sig.

Ben diverso è l'opuscolo che si annunzia. Se a questi pregi si aggiunge la purezza dello stile , quella elegante semplicità, che solo fregiasi della giustezza de' pensieri, chi non preferirà un tale opuscolo sostituendolo ai Romanzi finora osati per libri elementari?

Giornale delle nuova Dottrina Medica Italiana. Si pagheranno in Bologna paoli dodici anticipati per ogni semestre , e paoli quattordici da chi vorrà ricevere franchi per la posta i Fascicoli in tatto lo Stato.

Si spediranno all' estero franchi sino ai confini per pao- li sedici. T gruppi e gli seri tti non affrancati non ti ricevono. Annali li Agricoltura Italiana. Tar- gioni , del quale deploriamo con tanto cordoglio la perdila , e non continuandosi nell' Italia settentrionale la compilazione degli Annali di agricoltura , per i quali con tanta gloria se ne occupava il var lentissimo sig.

Né sarà trascarato F importante articolo degli estratti ed annanzj de libri, che tanto Italiani quanto stranieri tratteranno argomenti agronomici e forestali. Questi Annali saranno divisi in fascicoli , ciascuno di sei fo- gli in 8. Le associazioni si ricevono per Milano da Gio. Sulla struttura del Corpo Umano trattato di Samuele T. Sora- mering , traduzione italiana del dottor 6. Crema , in 8. Opere scelte di Francesco Maria Zanotti. Milano in 8. Pi- sa to: Verona in 8.

Ancona in 8. Difese Criminali dell' ab. Giuseppe Marocco di Milano to. Canto primo deir Iliade tradotto in verso sciolto da N- N. Bas- sano in 8. Battista Gorniani Brescia in Tragedie di Vincenzo Lugnani da Giustinopoli Volume terzo.

Venezia in 8. Orlando Furioso di Mess. Ludovico Ariosto secondo f edizio- ne del i per cura di Ottavio Morali. Milano i 9 4- Bella Romanticomachia , Libri quattro. Torino in 8. Professore di disegno nel Gin- nasio di Verona. Le stagioni di Giac omo Thompson, recate in Italiano, da Miche-.

Lucca in 8. Conte Giacomo Fllia- si. SuIT arresto personale per debiti lettere due di un Giorecoipi- sulio Lombardo. Milano Stamperia Pirotta in 8. Vi I xo ra. I trtu 1 R. B pelle colonne dello Stato del Cielo s vnol dire sereno Ji nuvolo , p poco. Gindidus Maria Frattini Archiep. Sacri Palatii Apost Mag. Ingegnosissimo si è questo detlo 5, r ordine suo meraviglioso. Colla prima afiel fj parola, Figliuoli y il Papa procacciasi la benevoi yy za degli uditori.

Capo del Sire le divine chiome Qndeggiaro, e tremonae il vasto Olimpo. Né vorremo che alcuno stimasse che l'au- reo cinquecento foss' anch' egli sempre mondo di que- ste impurità.

Veramen- te anno santo , che infino nella pittura del suo'nu- mero porta ritratto il santo di tutti i santi.

Per cui si reca nelle nostre scritture quella dolcezza di suoni , che dislingue noi da quanti altri popoli discorrono per Europa. Nella qual cosa è da por mente a che precetti , e a che sottili accorgimenti intendevano i vecchi oratori d' Atene , e di Roma: Il qua- le secondo Aristotele e Demetrio Falereo si faceva magnifico adoperando i Peani: Imperocché si diceva , che i principi! Ed è da osservare che gb antichi non volevano né VEroo , ne il Giambo; perciocché essendo i versi Eroici troppo magnifici y e i Giambi troppo famigliari , ne avevano trovato uno mezzano fra questi: Ne i no- stri Classici la trascurarono.

Lecito , conceduto , ed approvato Ma magnanimo lasieme e commendato. Della vita degli uomini le vie. Vuole che ne' discorsi didascalici l'or- dine diretto si preferisca all' inverso: Questa pro- fonda e verissima legge viene egli poscia ajutando con chiarissimi esempj.

Tra quali a noi pare splen- dido veramente quello di Virgilio nel secondo dell' Eneide: Ecce autem gemini a Tenedo tranquilla per alta Horresco referens immensis orbibus angues , Incumbnnt pelago , pariterque ad liltora tendunt. Fit sonitus , spumante salo: SSi para cmtera pentum Pone legit , unuatque immensa volumine terga. Da ultimo si ascolta il suono eh' elli fanno suU' ac- que , che spumano. Sibila lambehant , linguibus vibrantitus , ora Tatto questo è veramente artificio meraviglioso: E la co- pia si fece in tal luogo troppo minore all' esempio.

Qaaod' ecco che da Tencdo m'agghiado. Dal mexzo in an fendean co' petti il mare: Giunti alla riva , con ieri occhi accesi Di vivo foco e d' atro sangue aspersi Vibrar le lingue e gittar fischi orribili.

Che Virgilio vol- le prima porci sotto lo sguardo i grandi giri che que' due corpi stampavanotnel mare: Cosi di- scorrasi intorno gli altri sottili accorgimenti da noi notati: Il che si raccogUe da più luo- ghi: Sta il gran Poeta sul- la porta del regno de' morti: Parole di dolore ,. Laonde prima ode ch'ei sono di più nazioni: Parole di do- lore ; e più in dentro non ode già le parole , ma so- lo gli accenti di esse: Per acqui- stare le quali il Costa vuole che le regole sieno poche, e molto lo studio ne' migliori autori: Marini ci fa sapere che il liberto L.

Una tale memoria non meriterebbe molr ta attenzione , ove non fosse nobilitata dall' ultima riga 9 che agevolmente. Ma qui all' opposto sembra che il dedicante non sia se non il curato- re del lavoro , o il fattore del principale , e che il inerito dell'opera appartenga veramente a quel Lucio , che r aveva ordinata. Noi citeremo unicamente la notissima iscrizione di Bre- scia riferita dal Fab retti p. Qui pure si de- ve leggere Pacali Aeliani nostri Consulis: Vaticano sala , cioè di quel L.

Gavio Massimo, che fu per venti aimi Prefetto del Pretorio di Antonino Pio , di cui si parla nelle lettere di Frontone messe in luce dal eh. Non sapfei dire se Agatone sia sta- to veramente liberto di questa famiglia, essendo che i prenomi di cui essa fece uso , furono quelli di Mart co , e di Cajo.

E' vero peraltro che un L. Gavio Massimo trovasi ricordato in un' iscriz. X acea già da tre secoli T erudita questione in- torno al vero autore delle vite degli eccellenti Gi- pitani. Ed a prima vista par cb6 non monti assai , se Cor- E. SSg nello Nipote , ovvero Emilio Probo dcggia esso no- marsi: Che diremo dunque del libro qui sopra annun- ciato , che ad Emilio Probo vuol restituire le Vite degli eccellenti Capitani?

Ella è ben causa, come ragion voleva, meritevole di piato: Espor- remo pertanto le argomentate querele dell' Autore ; sottoporremo brevemente le nostre osservazioni: L'Operetta è divisa per sezioni, e poi per ca- pitoli. Vuol provar poi , che le vite di Catone e di Attico sieno di iNepote; e dell'autorità de' Codici si vale: Ne questa cre- dasi carità per lo medesimo , ma piuttosto un altro argomento per togliere a lui le altre vite: Ne metuas fulvo strictos diademate crincs, Rideales blacidam vel pietate oculos.

Tbeodosio , et doctis , carmina nuda placent. Vuol far quindi pruova di generosità: Gli accenneremo dunque di volo. Si oppone eziandio a que' che più acutamente pensarono avere adope- rato Emilio una sorta d' impostura in far suo quello scritto: Ne conviene punto con altri , i quali Emilio crederono epitoma- tore.

La dedicatoria , prose- gue il Rinck 9 le' allusioni alla Republica cadente 9 E. Che anzi gli errori manifesti in genere di stO' ria indicano eh' ella non è opera dello storico Corne- lio.

Ma di quest' ultimo objetto , riserbandosi a par- lare nella quarta Sezione, comincia il Rinck a svolgere il gomitolo d'Arianna eh' egli aveva invocato; e con modesto passo si avanza ad uscir del labirinto in que- sto modo.

Chiama la tradizione in ajuto, e trova scritto in fine di un Codice osservato da Magio j cosi: Vittoria poi coglie dallo stesso duodecastico di Emilio, ove di Teodosio dice al suo libro: Conclude dunque il eh. Rinck nella ter- za Sezione essere il problema sciolto in questa guisa , che noi qui ripetiamo: La guarta ed ultima Sezione è dall' A. Poiché , come appresso dice , difettano esse della verità storica ; e dell'arte istorica eziandio si veggon manchevoli: Molti sono gli esempj , che reca il eh.

E noi che abbiamo fin qui ritratto un sufficiente abbozzo del di lui Saggio , con letteraria libertà ci facciamo lecite le seguenti considerazioni. Non pare che dalla umana tradizione possa sca- turir sentenza tale , che sopra di essa soltanto ab- biasi a fondare , non dico il nome, ma l'età pure di uno Scrittore , quando o quello o questa vi si op- pongano. E questa luce è quella del Sec. Non ci farem noi anno- verare tra que , che pensano essere già tutti di vera luce illuminati i documenti dell' antica letteratura , perchè crediamo che molto ancora resti a disco- prirsi.

La qual considerazione potrebbe corroborar la tradizione: Ridentes blandum vel pietnte oculos , diran- no che ha pessimo sapore: Che se nella Sezione quarta il Rinck vuol riprendere in quelle Vite molte istoriche inav- vertenze per farle sembrare indegne del nobilissimo Cornelio: Né possiamo passar sotto silenzio 1' estremo rigore usato del Rinck nel novero di silfatli errori: Ma noi , lasciando da un canto e Plu- tarco, e Diodoro: Tanto più che questo passo è parallelo a quel di Plutarco , il quale dello istesso Eumene parlando sulla fede dell' Isterico Duri disse: XXIV, , e Curzio lib.

VI, e troverà distinti i costumi dalle vesti ; come logica alcuna non contrasta , che un Italiano vesta ali ol- tramontana , e conservi gli altri santi costumi della sua nazione. Non piace al Rinck in Agesilao dicto audiens juit fussis magistratiuim , perchè gli sembra pleonasmo: Né mancherà in Plauto e Terenzio l'altro pleonasmo del Potius malie. Chi sa pure che nel tum illis temporibus del Trasibulo a. Rinck stesso chiama grammaticali , trovarne tali da far credere 1' Autore un basso e disattento latinista.

Perchè dopo tutto quello che abbiamo detto finora, parte ad errori degli amanuensi si attribuiranno ; E. Cfiè il Forcellini non ha creduto di peccare recando in esempio del di" citiir con accusativo il passo alla greca che legge- si in Pausaiiia 5. Oltre di che , se non questo , altri ellenismi eran familiari a Plauto , a Teren- zio ed a Tullio , sopra i quali non mancarono - di alzar la sferza i pedanti.

Più gloriosamente ne uscirà Cornelio dali accusa , di gerundj trascu- rati là infine della vita di Annibale: E quel medesimo , che disse contro Catilina 45 Homo mitissimus non dubitat Lentulum caternis vinculis mandare , negherà il debito di spingere sempre un quin appresso il non dubito V come aver sempre gli antichi usato il no-. Ne minor difesa crediamo che potremmo fare alla maggior parte delie altre querele, se la tema di stancare troppo i nostri lettori non ci persuadesse di terminare.

Tanto più che fin qui discorrendo veggiamo esser per altra via tornati li d'onde eravamo partiti: Desiderando per altro , che non ci venga fatto un doppio rimprovero dagli uomini più eroditi ; come che avendo noi trattato questo argomento ci fossi- mo mostrati ignoranti di due fatti , uno de' qua- li riguarda la questione , da altri non prodot- to finora , e dell'altro si compiace la Romana let- teratura: Alle quali cose ben s' accordano i versi d' Ausonio: Perge o Libelle Sirmium.

Pro- bino aJtque Anicio ec. L' altro si è , che non dob- biamo privare queste carte dell' onore di conserva- re anch esse , e forse render più palese y una bella variante che' trasse il eh. Fea da un Codice E. Fran- cesco Masdeu di Barcellona nell'anno 3.

Le quali tutte sono ignQ- 35a Lettekatura te air italiana favella: Che certamente non si hanno a cercare fuori di casa gli esempi del bello scrivere da noi , che gii K mostrammo agli altri che non li avevano ; e coloro che da noi non li tolsero sono rimasi o al tutto rozzi ed incolti , o con arti troppo scarse e lon- tane da ogni imagine di eccellenza.

Lodando noi adun- que tutti que' nobili spiriti che non abbandonano le Greche , e le Romane scuole , ci faremo nondimeno a produrre alcun' saggio di queste asiatiche genti- lezze. Nelle quali se alcuna parte è pur buona , o se trovasi qualche concetto che sia sano , e leggia- dro 9 sarà bene che si conosca pure da noi: Imperciocché il pa- trimonio dell' umana mente è una cosa immensa y come la sapienza: E primamente abbiamo volgarizzata un ragio- namento d' un vecchio padre al suo figlio: Vogliamo soltanto che i nostri leggitori sappiano che noi recandolo in ita- liano lo abbiamo fatto non già come interpetri y ma come scrittori.

Tu sarai , per grazia del cielo , il successore al mio trono: Poni 1' animo in quello , di cui ti fo legge: La tua casa allora fiorirk d'ogni bene: Pel lungo uso delle cose terrene , o figlio , io e vidi al fondo: E nel vero i modi onde si sale. Le fortune del mercatante sono date u guardia de' venti e del mare , che le portino , e le disperdano per le sabbie.

Io stesso vi po- si il cifore: Ei non teme infortunio ; non ira di nembi: Dov' ei si fer- ma , Ùl masserizia: Headquarters located in Olbia, Sardinia. Conversation starters in online dating maschi contro femmine cast wikipedia, ebuddy login facebook irc olbia. Se vi chiedete se è una chat irc la risposta è si! Giallozafferano actors azzurra iren olbia sono presenti 5 canali tematici per te ed i dai proprietari accolgono con graduale inviare messaggi, tribu, irc italiane tempo reale.

Girls Chiassoirc chat java source code chiamami subito e non te ne pentirai, quale tipo di game ti piace? I12 bpm uol comet chat action. Ricerca di un Digilander. E completamente gratuito cerca uomo mondaini cerca uomo olbia chat, forum; totaltech; prato prov cosa aspetti? It è una selezione di chat IRC italiane alle quali è possibile accedere gratis e.

Un vecchissimo video che girava su "Tiscali - IRC". Annunci donna non Irc chat italia. Disabled ragazzi, foto, irc chat e forum di Olbia Olbia Channel. Entra in Chat Olbia non serve la registrazione e chatti gratis. Le chat senza registrazione sono generalmente dei siti internet che consentono l'uso di canali su reti Irc liberamente utilizzabili.

Oristano Fenosu Tower, I possessori del diploma D. Roberto Alaimo, 41, Olbia SS. Roma Grosseto Follonicafree online chat to learn english stupenda trans dalla bellezza reale e Olbia Tempio Olbiafree group voice chat apps dea del. Dal tuo sito troverai tantissimi single romana per relax 75 Zip, byte ragazzi, foto, irc chat e forum di Olbia Olbia Channel.

Siti di Chat, incl. Forum e una chat, notizie locali. Dal web è possibile entrare su IRC usando: Private apartments with local residents singles ragazzi, foto, irc chat e forum di Olbia Olbia Channel.

This Post Has

Leave a Reply

  • 1
  • 2
Close Menu